Un filo rosso per non dimenticare Peppino Impastato

Un filo rosso per non dimenticare Peppino Impastato

0 559

Inaugura sabato 16 aprile alle 17 in Sala del Consiglio la mostra “Il filo rosso della memoria “, un vero e proprio racconto artistico a cura di Pino Manzella, per ricordare Felicia e Peppino Impastato.

La mostra approda a Forlimpopoli dopo le tappe a Ravenna, Bagnacavallo e Cervia e tornerà a Cinisi in occasione della manifestazione nazionale del 9 maggio, anniversario della morte di Peppino Impastato.

Il filo conduttore di questo progetto è la Sicilia rivisitata attraverso la lente dei suoi migliori interpreti come Brancati, Camilleri e Sciascia o mediante la condanna sei suoi simboli negativi.

In primo piano dunque c’è la storia autentica della Sicilia, quella di chi ha dato la propria vita per combattere la mafia, quella di chi si è speso per tenere vivo il ricordo e ottenere giustizia.

Sabato 16, alla presenza del sindaco di Forlimpopoli Mauro Grandini, interverranno  Carlo Rondoni (Presidio Libera di Forlimpopoli), Marco Bartolini (Scuola di Musica Popolare) e gli amici di Peppino Impastato tra cui l’autore della mostra Pino Manzella.

La mostra è promossa da Libera, CGIL Ravenna, Associazione Culturale Barcobaleno ed è patrocinata dal Comune di Forlimpopoli.

Sarà possibile visitarla presso la Sala Mostre del Comune di Forlimpopoli fino al 1 maggio con i seguenti orari:

Dal lunedì al sabato dalle 15 alle 17 – domenica e festivi dalle 10 alle 17

Per info: 3480717073 (Franco Ronconi) – 3409716539 (Carlo Rondoni)

Clicca qui per saperne di più