domenica 25 Ottobre 2020
News

0 45
MOSTRA
PELLEGRINO ARTUSI 1820-2020
Ricette a fumetti
di Alberto Rebori

Continuano le celebrazioni di un anniversario importante e atteso per la storia della gastronomia moderna italiana e non solo: i duecento anni dalla nascita di Pellegrino Artusi (Forlimpopoli, 4 agosto 1820 – Firenze, 30 marzo 1911). Il suo ricettario La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene, pubblicato nel 1891 e ristampato poi innumerevoli volte negli anni e decenni successivi, è stato a lungo il libro più diffuso dell’editoria nazionale, insieme a Le avventure di Pinocchio di Carlo Collodi.

Forlimpopoli lo celebra anche con una mostra – a cura di Andrea Tomasetig e in collaborazione con Casa Artusi – che proseguirà poi a Parigi all’Istituto Italiano di Cultura (17 novembre – 23 dicembre 2020).
Saranno esposte edizioni d’epoca e recenti e soprattutto un corpus di 38 tavole dell’eccellente illustratore e disegnatore di fumetti Alberto Rebori (1955-2016), pubblicate a corredo del ricettario stampato nel 2001 da Corraini. Ben 35 tavole sono a fumetti e raccontano, in modo originale e sorprendente, con parole e immagini 20 ricette.


APERTURA MOSTRA
Da venerdì 9 ottobre a lunedì 2 novembre 2020
LUNEDI’ – MERCOLEDI’ – VENERDI’ 15.00 – 18.00
MARTEDI’ e GIOVEDI’ 9.00 – 12.30
SABATO e DOMENICA 9.30 – 12.30

INGRESSO LIBERO
Casa Artusi, via A. Costa 23/27 Forlimpopoli (FC)

CONTATTI
Tel. 0543 743138 – Cel. 349 8401818 – mail. info@casartusi.it – sito web. www.casartusi.it

Iniziative nel rispetto delle disposizioni di legge a tutela della salute pubblica

0 62
DARE FUTURO ALLA MEMORIA 2020 – ANNO XX

Domenica 25 ottobre 2020
ore 10.00
in Piazza Fratti

76° ANNIVERSARIO della LIBERAZIONE di FORLIMPOPOLI
25 ottobre 1944 – 2020

Deposizione di corona d’alloro alla Lapide dei Caduti per la Resistenza e Saluti istituzionali.

I cittadini sono invitati a esporre la bandiera della Repubblica Italiana

Promemoria

Ci sono cose da fare ogni giorno:
lavarsi, studiare, giocare,
preparare la tavola,
a mezzogiorno.
Ci sono cosa da far di notte:
chiudere gli occhi, dormire,
avere sogni da sognare,
orecchie per sentire.
Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra.

100ANNI _ GIOVANNI RODARI

La celebrazione si svolgerà nel massimo rispetto della normativa vigente anti covid con numero contingentato di persone, distanziamento fisico e obbligo di indossare la mascherina.

0 74

Da sabato 17 a sabato 31 ottobre 2020,
presso la Galleria d’arte A casa di Paola
(via A. Costa 22 – Forlimpopoli)
saranno esposte le opere dell’artista MARIO BERTOZZI,
in una imperdibile mostra a cura di Paola Gatti.


BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Mario Bertozzi è nato a Forlimpopoli (Forlì) il 21 febbraio 1927.
Fin da giovanissimo avvertì prepotentemente la necessità di plasmare e dopo un periodo trascorso a Forlì sotto la guida dello scultore Giuseppe Casalini, dal 1943 al 1947 frequentò il liceo artistico di Bologna, avendo due insigni maestri: Cleto Tomba e Luciano Minguzzi.
La sua personalità emerge da quella scuola tanto rapidamente che già nel 1947 il Comune di Forlimpopoli affida al Bertozzi, ancora studente, la realizzazione di un monumento, una statua raffigurante la Libertà.
Da allora con ardore, irruenza e schiettezza tutta romagnola, procede nella propria esperienza artistica, partecipando a numerose mostre di carattere nazionale ed internazionale, conseguendo brillanti successi.
Sue opere scultoree e grafiche si trovano presso collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero.
Sanguigno, estroverso, ma anche timido, lui stesso si definisce “L’ultimo Romagnolo”. La scultura è stata per lui una vocazione, proprio per il suo potere di dare forma, di ricreare, di infondere un’anima alle sue sculture a cui imprime un tocco di indomita energia che le rende vive e frementi come i possenti Tori, i superbi Galli, e le raffigurazioni del Gallotauro, sua invenzione esclusiva, che unisce gli aspetti più eclatanti di due animali.
Ma questo impetuoso aggredire la materia non gli impedisce di creare anche dolcissime forme morbide ed altamente poetiche come nudi e testine di bimbi.
In questi ultimi anni ha indirizzato la sua creatività verso l’opera grafica con delle bellissime rappresentazioni quali “Ai confini dell’Anima“.
Ora ha voluto affrontare una nuova esperienza nata da un’idea geniale e realizzata attraverso il disegno, il tratteggio, il colore. Ha illustrato, secondo la sua creatività, un’opera famosissima “Le avventura di Pinocchio”, ricreandolo come “… E se Pinocchio fosse nato a Forlimpopoli…”, proprio per attestare il fortissimo legame che lo unisce alla sua terra, al suo paese.
Comunque, in qualsiasi prova si cimenti, Mario Bertozzi ha perfettamente ragione quando afferma “Più di me parlano le mie opere, dove cerco un impeto di infondergli una parte di me stesso, raggiungendo la mia realtà”.


ORARI
Martedì e Giovedì 10.00-12.00
Mercoledì e Venerdì 16.00-19.00
Sabato e Domenica 10.00-12.00 / 16.00-19.00

CONTATTI

Tel: 339 6597530
Mail: paolagatti@gmail.com

0 124


Sabato 17 ottobre alle 14:30
Presso l’area verde della nuova lottizzazione
(ingresso da Via Rita Levi Montalcini)

28° FESTA DELL’ALBERO.
Un albero per ogni forlimpopolese nato nel 2019

Da 28 anni il Comune di Forlimpopoli pianta un albero per ogni bambino nato nell’anno precedente.
Quest’anno a causa del lockdown la festa che doveva tenersi a primavera è stata rimandata a sabato 17 ottobre, proprio in autunno, quando torna favorevole la stagione per le piantumazioni.
Purtroppo l’Emergenza sanitaria è ancora in atto, quindi in Consulta Ambiente si è deciso di non rinunciare a questa attività meritoria per l’ambiente ed il clima e ricca di significati per la comunità, ma di procedere con tutte le cautele e gli accorgimenti del caso.
Gli alberi saranno piantati dagli operai comunali e non dai volontari e il tradizionale momento di festa del pomeriggio, dopo la consegna alle famiglie dell’albero, non ci sarà.

L’evento, a cura del Comune di Forlimpopoli unitamente al Gruppo Funghi e Flora e al Gruppo Alpini di Forlimpopoli, prevede il saluto da parte del Sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini, e la benedizione e ed affidamento alle famiglie: ogni piantina è dotata di targhetta con il nome del bambino e la data di nascita, fissata al palo tutore.

Questa tradizione si ripete a Forlimpopoli dal 1992; da allora ad oggi la città Artusiana si è dotata di più di 3000 nuovi alberi ed un bosco urbano è cresciuto rigoglioso nel Parco Urbano comunale. Ogni cittadino dai 27 anni in giù, nato a Forlimpopoli, ha un albero che porta il suo nome. Grazie ai numerosi volontari coordinati dal Pastore degli Alberi, questo bosco che cresce è curato ed accudito durante tutto l’anno.

L’appuntamento è quindi per le sole famiglie del nuovo nato.
Si ricorda alle famiglie che parteciperanno di presentarsi muniti di mascherina e di evitare in ogni modo assembramenti.


La manifestazione si svolgerà nel rispetto delle normative Covid, con obbligo della mascherina sopra i 6 anni.

0 217

In occasione delle Giornate FAI d’Autunno sarà possibile accedere a camminamenti della Rocca Ordelaffa di Forlimpopoli, tra i pochi in Romagna che consentano ancora di percorrere l’intero giro delle mura.

Sabato 17 e Domenica 25 ottobre

Visite guidate, prenotazione obbligatoria (5 turni da 15 persone a visita)

  • tre turni la mattina: 9.30 – 10.30 – 11.30
  • due turni al pomeriggio: 15.00 – 16.00

I visitatori saranno condotti alla scoperta della lunga e appassionante storia di questo luogo, silenzioso testimone degli accadimenti che si sono succeduti a Forlimpopoli nei secoli: dalle complesse vicende edilizie, agli eventi – anche oscuri e drammatici – che si sono svolti all’interno delle sue mura, ai personaggi che qui hanno abitato e che a questo luogo hanno indissolubilmente legato il proprio nome e la propria fama.

Il percorso di visita prevede la salita ai camminamenti di ronda, normalmente non accessibili al pubblico, da cui sarà possibile godere del suggestivo panorama sulla città e sulle colline circostanti.


PER INFORMAZIONI
Sito web. www.giornatefai.itwww.fondoambiente.it
Mail. forlicesena@faigiovani.fondoambiente.it
Canali social Facebook FAI Giovani Forlì-Cesena

L’accesso sarà consentito solo su prenotazione obbligatoria (clicca qui per accedere al portale nazionale) e i partecipanti dovranno essere muniti di mascherina e disinfettare le mani con l’apposito gel fornito dagli organizzatori. All’ingresso verrà posizionato un vademecum che illustrerà ai visitatori le norme di comportamento e le distanze sociali da rispettare durante la visita all’interno del gruppo.

0 106

Mostra d’Arte a cura di Paola Gatti

Opere di MARIO BERTOZZI

INAUGURAZIONE MOSTRA “VOLTI”
sabato 17 ottobre 2020 alle ore 11.00
presso la galleria d’arte A CASA DI PAOLA
via A. Costa 22 – Forlimpopoli

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

Mario Bertozzi è nato a Forlimpopoli (Forlì) il 21 febbraio 1927.
Fin da giovanissimo avvertì prepotentemente la necessità di plasmare e dopo un periodo trascorso a Forlì sotto la guida dello scultore Giuseppe Casalini, dal 1943 al 1947 frequentò il liceo artistico di Bologna, avendo due insigni maestri: Cleto Tomba e Luciano Minguzzi.
La sua personalità emerge da quella scuola tanto rapidamente che già nel 1947 il Comune di Forlimpopoli affida al Bertozzi, ancora studente, la realizzazione di un monumento, una statua raffigurante la Libertà.
Da allora con ardore, irruenza e schiettezza tutta romagnola, procede nella propria esperienza artistica, partecipando a numerose mostre di carattere nazionale ed internazionale, conseguendo brillanti successi.
Sue opere scultoree e grafiche si trovano presso collezioni private e pubbliche in Italia e all’estero.
Sanguigno, estroverso, ma anche timido, lui stesso si definisce “L’ultimo Romagnolo”. La scultura è stata per lui una vocazione, proprio per il suo potere di dare forma, di ricreare, di infondere un’anima alle sue sculture a cui imprime un tocco di indomita energia che le rende vive e frementi come i possenti Tori, i superbi Galli, e le raffigurazioni del Gallotauro, sua invenzione esclusiva, che unisce gli aspetti più eclatanti di due animali.
Ma questo impetuoso aggredire la materia non gli impedisce di creare anche dolcissime forme morbide ed altamente poetiche come nudi e testine di bimbi.
In questi ultimi anni ha indirizzato la sua creatività verso l’opera grafica con delle bellissime rappresentazioni quali “Ai confini dell’Anima“.
Ora ha voluto affrontare una nuova esperienza nata da un’idea geniale e realizzata attraverso il disegno, il tratteggio, il colore. Ha illustrato, secondo la sua creatività, un’opera famosissima “Le avventura di Pinocchio”, ricreandolo come “… E se Pinocchio fosse nato a Forlimpopoli…”, proprio per attestare il fortissimo legame che lo unisce alla sua terra, al suo paese.
Comunque, in qualsiasi prova si cimenti, Mario Bertozzi ha perfettamente ragione quando afferma “Più di me parlano le mie opere, dove cerco un impeto di infondergli una parte di me stesso, raggiungendo la mia realtà”.


INFO E ORARI

Da sabato 17 a sabato 31 ottobre 2020
presso la Galleria d’arte A casa di Paola
via A. Costa 22 – Forlimpopoli
Martedì e Giovedì 10.00-12.00
Mercoledì e Venerdì 16.00-19.00
Sabato e Domenica 10.00-12.00 / 16.00-19.00

CONTATTI

Tel: 339 6597530
Mail: paolagatti@gmail.com

0 71

Mercoledì 14 ottobre 2020 alle ore 20.00
presso il Teatro Verdi di Forlimpopoli,
Piazza A. Fratti

Evento nell’ambito della rassegna promossa dall’ Associazione Luciano Lama, dal titolo “A VOLTE RITORNANO” (Riflessioni, contesti, commenti sull’insorgenza di fenomeni di negazionismo, revanscismo, neofascismo
attraverso la cinematografia e la letteratura).

Nel corso della serata saranno presentati due libri che raccolgono le memorie di protagonisti della Resistenza del nostro territorio:

Mi chiamo Iader
Memoria partigiana di Iader Miserocchi (Ponte Vecchio 2019)

“Una storia partigiana
di Sergio Giammarchi (Ponte Vecchio 2019) con la presenza di Sergio Giammarchi

Intervengono:
Valter Bielli – Presidente Associazione Luciano Lama
Gianfranco Miro Gori – Presidente ANPI provinciale di Forlì-Cesena

Al termine seguirà la proiezione del film sulla resistenza nel territorio forlivese “LE CILIEGIE SONO MATURE” di F. del Bravo.

Consulta l’evento sulla pagine facebook dell’Associazione ANPI Sezione di Forlimpopoli


INGRESSO LIBERO

Info e contatti
Tel. 347 4486988
Mail. anpiforlimpopoli@gmai.com

L’incontro si svolgerà nel pieno rispetto delle disposizioni e normative regionali relative alla situazione di emergenza COVID-19 atte a garantire la prevenzione del contagio.

0 110
ESCAPE 4 CHANGE : Gioca in squadra, cambia la realtà
Riuscirai a scoprire il segreto dell’economia circolare e salvare la terra?

Apre a Forlì la prima escape room educativa sull’economia circolare! 🔐🍃
La Sala Studio Santa Lucia in Corso della Repubblica 77 ospiterà da sabato 10 ottobre a domenica 25 ottobre una sfida aperta a tutti:

Riuscirete a salvare la Terra prima che sia troppo tardi?

✉ Per prenotazioni e ulteriori informazioni scrivi a: escape4change.romagna@gmail.com


Escape4Change è un’iniziativa, ideata dall’Associazione EUfemia, che si inserisce all’interno di “Metti in circolo il cambiamento“: un progetto nazionale per la formazione e l’attivazione di soluzioni in chiave di sostenibilità sociale, economica e ambientale, promosso da LVIA in collaborazione con Legambiente Onlus, WeMake e Associazione EUfemia.

➡ Per saperne di più sul progetto: https://lvia.it/portfoli…/metti-in-circolo-il-cambiamento/
L’escape room è gratuita ed aperta tutti i giorni, con prenotazione obbligatoria, scrivendo a escape4change.romagna@gmail.com

0 57

“Io non rischio” Alluvione e Terremoto/Maremoto

Campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile
in edizione social

L’associazione Protezione Civile Forlimpopoli “Valerio Grassi” ODV aspetta i cittadini sulla pagina https://www.facebook.com/iononrischioforlimpopoli per parlare di prevenzione ed autoprotezione.

Domenica 11 ottobre torna Io Non Rischio, la campagna nazionale promossa dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, il volontariato di protezione civile, le istituzioni e il mondo della ricerca scientifica, per diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i propri concittadini sui rischi Terremoto/Maremoto ed Alluvione.

La campagna “Io non rischio“, giunta alla sua decima edizione, si svolgerà con una importante novità, a causa dell’emergenza Covid-19 e delle necessarie precauzioni sanitarie, le Piazze Io Non Rischio quest’anno diventano Piazze Digitali.

I volontari di Protezione Civile incontreranno i cittadini in luoghi ricreati sul mondo del web, con materiali informativi e comunicativi riproponendo le stesse modalità che hanno portato in questi anni a confrontarsi nelle piazze dei nostri paesi e delle nostre città e conoscere in modo più approfondito i rischi ed i comportamenti più corretti di autoprotezione da mettere in pratica.

Questa bellissima esperienza di dialogo non si interrompe.

Pertanto, DOMENICA 11 OTTOBRE, i Volontari di Protezione Civile di Forlimpopoli invitano i cittadini a partecipare agli appuntamenti nella piazza digitale https://www.facebook.com/iononrischioforlimpopoli, con un programma ricco di iniziative.


Il programma con gli appuntamenti digitali è questo:

Ore 10.00
Saluto e intervista del Sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini

Ore 10.30
Saluto ed intervista all’Assessore alla Protezione Civile del Comune di Forlimpopoli, Gian Matteo Peperoni

Ore 11.00
Saluto ed intervista al presidente della Protezione Civile di Forlimpopoli, Marta Benvenuti

Ore 11.30
“La mia esperienza di terremoto” – Testimonianza di Federica Rossi

Ore 12.00
“La nostra esperienza del terremoto” – Testimonianza di Luca Ghetti e Giovanna Moschini

Ore 14.30
I terremoti con più vittime

Ore 15.00
Il terremoto con più magnitudo ”Grande terremoto del Cile”

Ore 15.30
Il totem di Io non Rischio

Ore 16.00
Civilino – Il progetto di prevenzione dei rischi per le scuole elementari


Io non rischio – campagna nata nel 2011 per sensibilizzare la popolazione sul rischio sismico – è promossa dal Dipartimento della Protezione Civile con Ingv-Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Anpas-Associazione Nazionale delle Pubbliche Assistenze e ReLUIS-Consorzio interuniversitario dei laboratori di Ingegneria sismica.

Sul sito ufficiale della campagna, www.iononrischio.it, è possibile consultare i materiali informativi su cosa sapere e cosa fare prima, durante e dopo un terremoto, un maremoto o un’alluvione.


Alcuni scatti dell’edizione del 2019



0 101

Il MAF – Museo Archeologico di Forlimpopoli, fondato nel 1961 e ospitato nelle suggestive sale della Rocca Ordelaffa di epoca rinascimentale, custodisce preziose testimonianze della storia e dell’archeologia locali e ospita regolarmente mostre temporanee di arte contemporanea.

Da sabato 3 ottobre 2020 ha riaperto le sue sale al pubblico e per festeggiare, in occasione del progetto regionale di promozione dell’apertura delle Rocche “Oh che bel castello”, il Comune di Forlimpopoli e la Fondazione RavennAnticaMuseo archeologico “Tobia Aldini” propongono una visita della Rocca Ordelaffa che ospita il Museo.

Domenica 11 ottobre
alle ore 17:00
Alla corte di Brunoro II Zampeschi“, visita guidata tradizionale alla Rocca ed ai suoi splendidi camminamenti, tra i pochi in Romagna che consentano ancora di percorrere l’intero giro delle mura.

Prenotazione obbligatoria entro le ore 12.30 di sabato 10 ottobre:
Tel. 0543.748071
dal lunedì al venerdì, dalle ore 9:00 alle ore 12:30,
il sabato dalle 10:00 alle 12:30.
Mail. info@maforlimpopoli.it
Sito web. MAF – Museo Archeologico di Forlimpopoli

Ingresso: euro 5. Gratuito per bambnini sotto i 7 anni.
Si ricorda l’uso obbligatorio della mascherina.
E’ possibile acquistare i biglietti presso la biglietteria del MAF – Museo archeologico di Forlimpopoli in Piazza A. Fratti n.5

ORARI INVERNALI DEL MAF

Sabato : 10:00 – 13:00 e 15:30 – 18:30
Domenica : 15:30 – 18:30
Possibilità di prenotazione visita nei giorni feriali per scolaresche e gruppi.