domenica 17 Ottobre 2021
News

0 12

Ripartono i corsi alla Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli e lo fanno con l’energia di sempre!

 

domenica 24 ottobre 2021
a partire dalle 14.00
in Sala Aramini
sede in Via Ghinozzi n.3

 

un open day per incontrare e raccontare la SMP
agli amici vecchi e nuovi

 

 

CORSI e INSEGNANTI anno 2021-2022


ARPA CELTICA – Aiko Taddei

BANDONEÓN – Giampiero Medri

BODHRÁN IRLANDESE, CUCCHIAI – Fiorenzo Mengozzi

BOMBARDA BRETONE – Walter Rizzo

CHITARRA, TRES, UKULELE – Filippo Lucchi

CHITARRA BATTENTE e i RITMI DEL SUD – Giancarlo Siano (novità 2021)

CLARINETTO – Stefano Fariselli (novità 2021)

CORNAMUSE FRANCESI e a IMPIANTO CELTICO – Walter Rizzo

DIDJERIDOO – Filippo Fiorini

DULCIMER CANTATO – Marie Rascoussier (Novità 2021)

FISARMONICA – Bardh Jakova

FLAUTO DOLCE e OCARINA – Emanuela Di Cretico

GHIRONDA – Walter Rizzo

IMPROVVISAZIONE JAZZISTICA E ARMONIA JAZZ – Stefano Fariselli (novità 2021)

NEY, KAVAL, GAJDA, TAPAN – Fabio Resta

ORGANETTO DIATONICO – Giampiero Medri / Andrea Branchetti

PERCUSSIONI AFRO E LATINOAMERICANE: DARBOUKA, CONGAS, BONGOS, DJAMBÈ, TIMBALES, BATÁ, BATTERIA LATINA, HAND PAN – Paolo Marini

PLETTRI: MANDOLINO, MANDOLA, BANJO TENORE, BOUZOUKI – Fabio Briganti

SASSOFONO – Stefano Fariselli (novità 2021)

SEGA MUSICALE – Giampiero Medri

SITAR, RAGA DEL NORD INDIA – Marco Nervegna

TABLA INDIANA – Andrea Cantarelli

TAMBURELLI ITALIANI – Gian Luca Babini

TOMBAK, TAMBURI A CORNICE, DARBOUKA – Gian Luca Babini

UILLEANN PIPES Corso di base per cornamuse irlandesi a mantice – Matteo Rimini

VIOLINO – Gioele Sindona

VIOLINO POPOLARE – Fabio Briganti

ZAMPOGNA A CHIAVE ITALIANA – Marco Tadolini

 

Corsi di Musica d’insieme (per strumentisti e principianti):

FOLKLORE CUBANO E RITMI DELLA SANTERIA (avanzato) – Paolo Marini

LABORATORIO DI MUSICA PER CONCHIGLIE – Antonio Coatti

LABORATORIO MUSICHE DEI BALCANI – Bardh Jakova

MUSICHE DI AREA CELTICA – Davide Castiglia

ORCHESTRONA DELLA S.M.P. – Davide Castiglia

 

Corsi collettivi:

ANTIGINNASTICA PER MUSICISTI – Marie Rascoussier

A PIÙ VOCI Sperimentazioni polifoniche sul canto politico e popolare – Paola Sabbatani

LA CANZONE RINASCIMENTALE – Jule Bauer

Dedicato all’interpretazione del repertorio vocale rinascimentale e del primo barocco QUATTRO PASSI NEL FOLK Stile di coppia e di gruppo nelle danze popolari – Antonella Giorgini / Nadir Pepoli

TEORIA MUSICALE E SOLFEGGIO – Gioele Sindona, Giampiero Medri, Andrea Branchetti

VIDEOSCRITTURA ED EDITORIA MUSICALE – Filippo Lucchi

VOCI DI TERRA Laboratorio teorico pratico sui canti di tradizione orale – Gabriella Aiello

 

 

Corsi pluriennali:

EUROPEAN NYCKELHARPA TRAINING (www.nyckelharpa.eu)

(Per viola d’amore a chiavi) – Marco Ambrosini, Didier François, Annette Osann, Ditte Andersson, Jule Bauer

 

Workshop:

ARTE DEL PALCO, LABORATORIO DI PRESENZA SCENICA – Fabio Ambrosini

GETTING THE GROOVE Tra Francia e Irlanda, si balla con l’arpa (brani, tecniche, accompagnamenti) – Antonella Pierucci, Adriano Sangineto

L’ORCHESTRA VOCALE (Circle song, improvvisazione d’”assieme) e Tecnica Vocale – Luisa Cottifogli

 

 

Da ottobre 2021 a giugno 2022 corsi individuali, collettivi e stage

Iscrizioni sempre aperte, rivolgetevi alla segreteria

+39 3891005150

+39 0543 444621

Scuola di Musica Popolare APS, Piazza Fratti, 2 47034 Forlimpopoli (FC)

SKYPE: musicapopolare

Facebook: SCUOLA DI MUSICA POPOLARE di Forlimpopoli

per partecipare ai corsi è indispensabile l’adesione all’associazione

 

La Scuola di Musica popolare di Forlimpopoli è convenzionata con:

Cinema Teatro “Verdi” Forlimpopoli (Ingresso Ridotto ai soci SMP)

Circolo Arci I Bevitori Longevi (Sconto 10% 1° consumazione ai soci SMP)

Libreria La Bottega dell’Invisibile (Sconto 15% ai soci SMP)

 

Con il contributo ed il patrocinio: Comune di Forlimpopoli

In collaborazione con: Associazione Gruppo Danza Forlimpopoli ASD, Circolo ARCI I bevitori Longevi, Cinema teatro Verdi – Gestione Vitali, Musica nelle Aie – Castel Raniero, MEI Meeting degli Indipendenti- Faenza, ARCI

 

INFO E CONTATTI

marcobartolini65@gmail.com

+39 389 1005150

 

0 47
Domenica 17 ottobre 2021
dalle ore 10.30 alle ore 18.00
Istituzione dell’Osservatorio locale di paesaggio
del Ronco-Bidente
Durante l’ultimo incontro di Ronco-Bidente partecipato si è parlato dell’ipotesi di istituire di un Osservatorio locale di paesaggio, come strumento di coordinamento tra Comuni, imprese e associazioni per la valorizzazione della vallata.
Oggi, grazie al supporto dell’Osservatorio regionale per la qualità del Paesaggio e allo sforzo congiunto dei Comuni di Forlì, Forlimpopoli, Meldola, Civitella, Galeata e Santa Sofia, l’Osservatorio è diventato realtà!

PROGRAMMA
Ore 10:30
𝙋𝙧𝙞𝙢𝙖 𝙖𝙨𝙨𝙚𝙢𝙗𝙡𝙚𝙖 𝙙𝙚𝙡𝙡’𝙊𝙨𝙨𝙚𝙧𝙫𝙖𝙩𝙤𝙧𝙞𝙤 𝙡𝙤𝙘𝙖𝙡𝙚 𝙙𝙚𝙡 𝙍𝙤𝙣𝙘𝙤-𝘽𝙞𝙙𝙚𝙣𝙩𝙚
Rivolta ad assessori, associazioni, imprese, cittadini attivi che operano nella valle del Ronco – Bidente: un momento per decidere gli obbiettivi dei prossimi tre anni e le persone che nel consiglio direttivo si incaricheranno di portarli avanti.
INTERVENTI
Milena Garavini, Sindaco del Comune di Forlimpopoli
Anna Maria Mele, responsabile Osservatorio Regionale per la Qualità del Paesaggio Emilia-Romagna.
Rappresentanti dei Comuni di Forlimpopoli, Forlì, Meldola, Civitella di Romagna, Galeata e Santa Sofia.
Conduce l’incontro Matteo Bondi, giornalista
Pranzo a base di prodotti locali, con il contributo del Consorzio Romagna-Diretto Biosimbiotico.
Potranno partecipare le realtà che hanno aderito all’Osservatorio: per aderire compilare il modulo https://drive.google.com/…/1W4az…/view

Ore 14:45
Che meraviglia! 
Passeggiata rivolta a tutta la cittadinanza.
La passeggiata del pomeriggio è aperta a tutti i curiosi che hanno voglia di capire cos’è un Osservatorio di Paesaggio e perché è una grande occasione per la nostra vallata. Sarà un momento per scoprire alcune cose che ancora non sai del posto dove vivi: una passeggiata fisica e metaforica per scoprire il paesaggio del Ronco Bidente, un paesaggio fatto di natura, di storia, di progetti e di persone.
La passeggiata sarà l’occasione per raccontare le finalità del neonato Osservatorio e gli obiettivi del primo triennio.
Al termine Blues del fiume, piccolo consento dei Paddy goes to Americay e merenda a base di prodotti locali, con il contributo del Consorzio Romagna-Diretto Biosimbiotico.
Per prenotare il tuo posto alla passeggiata, compila questo form!
ISCRIZIONI ENTRO SABATO 16 OTTOBRE
Al numero 333 2198110328 9582919

0 26

Sabato 16 ottobre, nella suggestiva cornice della Chiesa dei Servi, nel complesso di Casa Artusi, alle ore 18.00, si svolgerà la Consegna del Premio Artusi 2021.

Questo evento è l’atto conclusivo del ricco cartellone di iniziative culturali della XXV edizione della Festa Artusiana.

A ricevere il Premio, su proposta del Comitato Scientifico di Casa Artusi, e conferito dalla Città di Forlimpopoli, sarà la Comunità Sant’Egidio, per lo straordinario e continuo impegno nella costruzione di ponti di pace e di dialogo nel mondo, e per aver posto in particolare il cibo al centro della dignità e dell’identità dei poveri e dei migranti promuovendo la distribuzione dei pasti in strada, le mense comunitarie, i centri di accoglienza, il pranzo di Natale come occasioni di cura, relazione, fratellanza.

Il Premio, che consiste in una scultura in bronzo del busto di Artusi ad opera dell’artista Pasquale Marzelli, sarà consegnato dal Sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini.

Interventi 

Milena Garavini, Sindaco del Comune di Forlimpopoli
Laila Tentoni, Presidente della Fondazione Casa Artusi
Massimo Montanari, Presidente del Comitato Scientifico della Fondazione Casa Artusi
Andrea Segrè, Componente del Comitato Scientifico della Fondazione Casa Artusi
Mario Marazziti, Comunità di Sant’Egidio
Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo Metropolita di Bologna (videosaluto)

Coordina l’incontro Paolo Rambelli, Assessore alla Cultura del Comune di Forlimpopoli.


La cerimonia sarà preceduta alle 17 dall’inaugurazione della mostra a cura di Andrea Tomasetig.
STORIA ILLUSTRATA DEGLI SPAGHETTI AL POMODORO
Acquerelli di Luciano Ragozzino e testi di Massimo Montanari
con
DANTE, LA PASTA E ARTUSI
Testi di Monica Alba e Giovanna Frosini.

 

 

INGRESSO LIBERO
Consigliata la prenotazione al numero 349 8401818 o all’indirizzo mail info@casartusi.it 
Accesso solo se muniti di green pass.
La cerimonia sarà trasmessa in streaming sui canali social del Comune di Forlimpopoli.


 

Si ricorda altresì che il Premio Artusi è stato assegnato negli anni a:
1997    Ermanno Olmi (Italia)
1998    Mons. Ersilio Tonini (Italia)
1999    Padri Comboniani della Missione di Agangrial (Sudan del Sud)
2000    Miloud Oukily per l’Associazione Parada (Romania)
2001    Muhammad Yunus (Bangladesh)
2002    Alberto Cairo per Croce Rossa Internazionale in Afghanistan
2003    Vandana Shiva (India)
2004    Riccardo Petrella (Italia)
2005    Eduardo Galeano (Uruguay)
2006    Julitte Diagne Cisse (Senegal)
2007    Comitato per la Lotta alla fame (Italia)
2008    Wendell Berry (Stati Uniti d’America)
2009    Serge Latouche (Francia)
2010    Don Luigi Ciotti (Italia)
2011    Oscar Farinetti (Italia)
2012    Andrea Segrè (Italia)
2013    Mary Ann Esposito (Stati Uniti d’America)
2014    Enzo Bianchi (Italia)
2015    Alberto Alessi (Italia)
2016    Carlo Petrini (Italia)
2017    Antonio Citterio (Italia)
2018    José Graziano da Silva (Brasile)
2019    Lidia Bastianich (Stati Uniti d’America)
2020    Paolo Lopriore e Rosa Soriano (Italia)

0 63

Sabato 16 ottobre alle 14:30
Presso l’area verde della nuova lottizzazione
(ingresso da via P. Camporesi)

29° FESTA DELL’ALBERO
Un albero per ogni forlimpopolese nato nel 2020

L’evento, a cura del Comune di Forlimpopoli unitamente al Gruppo Funghi e Flora e al Gruppo Alpini di Forlimpopoli, prevede il saluto da parte del Sindaco di Forlimpopoli, Milena Garavini, e la benedizione e ed messa a dimora delle piante: ogni piantina è dotata di targhetta con il nome del bambino e la data di nascita, fissata al palo tutore.
In caso di maltempo l’iniziativa sarà rinviata a sabato 23 ottobre

La manifestazione si svolgerà nel rispetto delle normative anti covid

0 43

Sabato 23 ottobre
dalle ore 15 alle ore 17

WEBINAR ONLINE

CON LA PROFESSORESSA
DANIELA LUCANGELI 
“Giovani e adolescenti:
emozioni in movimento”

 

La professoressa Daniela Lucangeli, docente di Psicologia dello sviluppo all’Università di Padova ed esperta di psicologia dell’apprendimento, torna ancora una volta a Forlimpopoli anche se attraverso un webinar online organizzato dagli Assessorati al Welfare ed alla Scuola del Comune di Forlimpopoli.

La competenza della relatrice ed il suo stile coinvolgente e profondo si soffermeranno sull’adolescenza e sulle emozioni che la attraversano, soprattutto in un periodo così particolare come quello che stiamo
vivendo.


Iscrizione gratuita fino ad esaurimento dei posti disponibili al link:

https://us06web.zoom.us/webinar/register/WN_PO3QIZYLQ3mMzPqmrJnaZQ

0 61

 

Domenica 10 ottobre passeranno per il territorio comunale di Forlimpopoli gli atleti impegnati nella 24° edizione della competizione ciclistica della GRANFONDO VIA DEL SALE.

 

Nel nostro comprensorio comunale, vie interessate dai percorsi di gara, dalle ore 8 alle ore10 circa, presenti nel nostro Comune, sono:

Via Prati – SP61 (dal confine con Bertinoro)
Via Papa Giovanni XXIII

Via Rita Levi Montalcini
Via Emilia per Cesena
(tratto compreso tra la rotonda e Via Dante Alighieri)
Via Dante Alighieri – SP39 (fino al confine per Bertinoro)

 

Ordinanza della Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Forlì-Cesena del 06.10.2021

Ordinanza della Polizia Municipale dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese dell’8.10.2021

 

 

Dalla pagina PERCORSI del sito della 24° GRANFONDO VIA DEL SALE

RACCONTO TECNICO DEL PERCORSO
Pronti, via!
Start vista mare e in nemmeno un paio di km si lascia il centro di Cervia in direzione dell’entroterra, raggiungendo subito uno dei punti più suggestivi del percorso: la bellissima Salina di Cervia.
Da qui, si pedala fino a Forlimpopoli percorrendo 25 km di pura pianura, giusto per scaldare le gambe. Al 26° km ci si ritrova ad affrontare la prima progressione faticosa di giornata, con un breve tratto di salita seguito da un falsopiano; il consiglio è di utilizzare un rapporto lungo e mantenere le ruote.
La strada prosegue con due dossi prima di raggiungere Fratta Terme, dove si trova la prima deviazione tra i percorsi: da una parte il percorso lungo e il medio, dall’altra il percorso corto.
Per cui, occhio ai cartelli!
Il percorso lungo e il medio proseguono in direzione Meldola, presentando alcuni falsipiani in salita e l’ultimo km in discesa fino al ponte di Meldola.
Al 36° km inizia una salita di circa 1,5 km di lunghezza con pendenza del 5-6 %, seguita da una breve discesa fino al 41° km, dove si affronterà la prima vera asperità della giornata: la salita di Montecavallo.
Quando il gps segna i primi 45 km percorsi, si arriva al paese di Teodorano, pedalando gli ultimi 500 m su di una pendenza del 10-12 %. Qui, a due passi dal bellissimo Castello di Teodorano, ci si potrà fermare al primo ristoro del percorso, approfittando anche dell’assistenza meccanica messa a disposizione
dall’organizzazione.
Rinfrancati dal breve pit-stop, si prosegue in leggera discesa per circa 300 m, al termine dei quali inizia l’ultima parte di salita (circa 2 km), la più dura, con pendenza massima del 15%.
Al 50° km, risolta la salita di Montecavallo, si imbocca la discesa per circa 4 km fino ad arrivare al paese di Borello, dove si trova la seconda deviazione, quella fra il percorso medio e il percorso lungo.
Di nuovo, occhio ai cartelli!
Da questo punto del percorso la strada comincia a salire leggermente con pendenze relative (2-3%) fino alla località Linaro (65° km), dove inizia la salita di Ciola, 2° asperità di giornata.
Questa è senza dubbio una salita che si fa rispettare, con una pendenza media del 6 % e picchi fino al 14 %.
Raggiunta la cima della salita, al 70° km, verrete premiati col secondo ristoro previsto dall’organizzazione.
Siamo circa a metà percorso e le energie vanno rigenerate e calibrate per affrontare la seconda parte della gara. Un consiglio: l’idratazione prima di tutto, per la piadina ci sarà tempo!
Da qui, la strada varia e bisogna essere pronti a gestire i diversi momenti con il giusto ritmo-gambe:
dapprima si affronta una discesa di circa 2 km, si risale con uno strappetto di 500 m, si pedala un tratto
pianeggiante con gli ultimi 200 m di breve salita e infine si imbocca la discesa fino a raggiungere il paese di Mercato Saraceno (79° km).
Fino all’imbocco della salita di Montevecchio la strada si presenta prevalentemente in leggera discesa con due falsipiani in salita, uno in località Borgostecchi (83,5° km) e l’altro in località Gualdo (88° km).
Si giunge pertanto in discesa fino all’imbocco della terza salita di giornata: Montevecchio, al km 90.
Montevecchio, anche nota come Cima Pantani, è una salita prestigiosa, legata alla memoria
dell’indimenticato e indimenticabile “pirata” Marco Pantani, che amava allenarsi su queste strade: 5 km di
divertimento puro con una pendenza media del 6% e pendenza massima del 16%.
Qui, subito all’inizio della salita, comincia la Cronoscalata al termine della quale verranno registrati i tempi
per le due classifiche dedicate agli scalatori: il “Gran Premio della Montagna” e la “Sfida in 60 Secondi” (GPM al 95° km).
Poco prima della cima dove si erge il cippo commemorativo dedicato a Pantani, ci si potrà rifocillare al terzo ristoro della Via del Sale, godendo di un’atmosfera magica nel ricordo di Marco.
Smarcata anche la terza salita non resta che lanciarsi in discesa fino al 103° km, raggiungendo le località di Roversano e Trebbo. Si prosegue dunque fino a località San Carlo dove è previsto il ricongiungimento fra il percorso medio e il percorso lungo, precisamente al km 105.
Occhio alle immissioni laterali!
Su percorso prevalentemente pianeggiante si giunge al km 108, dove si affronterà l’ultima asperità della
giornata: la salita Paderno-Collinello.
Benché si tratti dell’ultima salita e sia stata inserita in tutti e 3 i percorsi della Via del Sale, è senza dubbio
un’ascesa di tutto rispetto (pendenza media del 6% e massima del 15%): l’ultima fatica prima di lasciar
andare le gambe lungo la discesa e la pianura in direzione di Cervia.
Oltrepassata la cima al km 112 inizia un tratto in discesa fino al km 116,5, dove si trova l’ultimo ristoro di
giornata (Bracciano), proseguendo poi ancora in discesa fino a località Celletta (118° km).
Da qui si percorrono i restanti 33 km su strada pianeggiante pregustando l’arrivo sul Lungomare di Cervia, al Fantini Club.
Inizia la festa, tutti al pasta party!
(Per chi sceglie di affrontare il percorso medio, giunti a Borello si prosegue seguendo l’indicazione della
cartellonistica fino a imboccare l’ultima salita del percorso lungo (Paderno-Collinello). Da qui il percorso è lo stesso indicato poco sopra relativamente al percorso lungo.)

 

0 76
Domenica 10 ottobre
dalle 14.30 alle 18.00
Corso di stampa botanica e rilegatura giapponese

La stampa botanica, detta anche eco-printing, è una tecnica di stampa su stoffa e carta che prevede l’uso esclusivo di elementi naturali come foglie, fiori, bacche, corteccia, scarti alimentari e segue un procedimento di lavoro a basso impatto ambientale.
Durante la giornata sarà possibile imparare a riconoscere quali alberi possono essere utilizzati per questa tecnica, osservandoli dal vivo nell’area verde che circonda l’acquedotto. Scoprendo anche tutti i passaggi step by step per realizzare manufatti unici e in sintonia con la natura!

INFORMAZIONI

Durata:3,5 ore circa

Costo: 35 euro comprensivo di tutti materiali, tra cui una tovaglietta americana e un quaderno in carta riciclata che realizzerete a mano con la tecnica della rilegatura giapponese; per i bambini sotto gli 8 anni la partecipazione è libera.

Numero massimo di partecipanti: 7 persone.

Punto di ritrovo: ore 14.30 presso l’acquedotto, in via Ausa Nuova 741 a Forlimpopoli (FC).

Per prendere parte al corso è necessaria la prenotazione via mai a spinadello@gmail.com o telefonicamente ai contatti Martina 339 6156687 o Rossana 334 5400161.

Il corso si svolgerà all’aperto, in caso di maltempo ci si sposterà nei locali interni all’acquedotto nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti in materia di salute e contrasto al Covid-19.


Lunedì 11, 18 e 25 ottobre 
dalle 20.30 alle 22.30
Corso di cartapesta bestiale

La cartapesta è una tecnica che permette di riutilizzare tutta quella carta che, complici anche ordini online e imballaggi in eccesso, abbonda nelle nostre case: una tecnica per realizzare qualcosa di bello che faccia bene anche al Pianeta.

La specialità di Art Éco è farne dei bellissimi animali ispirati alla fauna che popola i nostri boschi, da appendere al muro o appuntare alla giacca.

Vorresti creare anche tu il tuo animale totem riutilizzando carta, lattine e vasetti?
Partecipa alle 3 lezioni previste nei prossimi lunedì di ottobre presso l’acquedotto e imparerai tutto quello che ti serve per creare il tuo animaletto… in cartapesta bestiale!


PROGRAMMA

Lunedì 11 ottobre
Prima lezione: impostazione delle forme.

Lunedì 18 ottobre
 Seconda lezione: la stratificazione step by step.

Lunedì 25 ottobre
Terza lezione: scelta della palette e colorazione.

INFORMAZIONI

Orario: per tutti e 3 le lezioni il corso si svolgerà dalle 20.30 alle 22.30

Costo: Il costo del corso è di 75 euro per gli adulti e di 35 per i bambini che vogliono unirsi.

Numero massimo di partecipanti al corso: 7 persone.

Per partecipare è necessario iscriversi via mail all’indirizzo spinadello@gmail.com o telefonicamente ai numeri Martina339 6156687 o Rossana 334 5400161.

Il corso si svolge nel rispetto delle attuali norme anti contagio, ai partecipanti è richiesto di essere muniti di Green Pass.


Sabato 16 ottobre
dalle 15.30 alle 17.00
Un bosco da favola
Mini-trekking con letture per bimbi 2-6 anni (e famiglia).
E’ sempre bello leggere una favola ai bambini, ascoltare le loro parole, le loro emozioni. Ancora meglio è leggere libri in un luogo bello, evocativo.. un bosco. L’idea è mescolare i passi alle letture, la realtà alla fantasia.
Con i ragazzi dello Spinadello camminerete nei boschi mentre Marco, Guida Escursionistica, vi farà conoscere i segreti della natura che ci circonda; di quando in quando vi fermerete e Alice leggerà alcuni albi illustrati, scelti per la loro delicatezza e profondità.
….
INFORMAZIONI
….
Orario: 15:00 presso l’ex acquedotto Spinadello, Via Ausa Nuova 741, Forlimpopoli (FC)
….
Costo: un bimbo 7 euro, due bimbi (fratelli) 12 euro, adulti 3 euro
….
Prenotazione obbligatoria, tramite email o telefono. Contatti su www.boschiromagnoli.it
NON è richiesto il green pass per le escursioni all’aperto.
L’evento si realizzerà con un numero minimo di partecipanti.
….
Guida: Marco Clarici, guida ambientale escursionistica AIGAE, regolarmente assicurato e iscritto al registro italiano delle guide ambientali escursionistiche con tessera ER491. Esercita la professione ai sensi della L. 4/2013.
Una piccola avvertenza: il territorio che circonda lo Spinadello è una zona (in gran parte) naturale e non un’area verde artificiale, pertanto aspettatevi di camminare lungo sentieri erbosi e di poter incontrare insetti, tra cui, come in tutte le aree naturali, le zecche. A tal proposito vi invito ad indossare scarpe, calzini lunghi e pantaloni lunghi. Inoltre ricordatevi di portare borraccia e merenda.

0 32

Sabato 16 ottobre, nella suggestiva cornice della Chiesa dei Servi, nel complesso di Casa Artusi, alle ore 18.00, si svolgerà la Consegna del Premio Artusi 2021.

Questo evento è l’atto conclusivo del ricco cartellone di iniziative culturali della XXV edizione della Festa Artusiana.

La cerimonia sarà preceduta alle 17 dall’inaugurazione della mostra a cura di Andrea Tomasetig.
STORIA ILLUSTRATA DEGLI SPAGHETTI AL POMODORO
Acquerelli di Luciano Ragozzino e testi di Massimo Montanari
con
DANTE, LA PASTA E ARTUSI
Testi di Monica Alba e Giovanna Frosini.

INGRESSO LIBERO
Consigliata la prenotazione al numero 349 8401818 o all’indirizzo mail info@casartusi.it 
Accesso solo se muniti di green pass.
La cerimonia sarà trasmessa in streaming sui canali social del Comune di Forlimpopoli.


 

Si ricorda altresì che il Premio Artusi è stato assegnato negli anni a:
1997    Ermanno Olmi (Italia)
1998    Mons. Ersilio Tonini (Italia)
1999    Padri Comboniani della Missione di Agangrial (Sudan del Sud)
2000    Miloud Oukily per l’Associazione Parada (Romania)
2001    Muhammad Yunus (Bangladesh)
2002    Alberto Cairo per Croce Rossa Internazionale in Afghanistan
2003    Vandana Shiva (India)
2004    Riccardo Petrella (Italia)
2005    Eduardo Galeano (Uruguay)
2006    Julitte Diagne Cisse (Senegal)
2007    Comitato per la Lotta alla fame (Italia)
2008    Wendell Berry (Stati Uniti d’America)
2009    Serge Latouche (Francia)
2010    Don Luigi Ciotti (Italia)
2011    Oscar Farinetti (Italia)
2012    Andrea Segrè (Italia)
2013    Mary Ann Esposito (Stati Uniti d’America)
2014    Enzo Bianchi (Italia)
2015    Alberto Alessi (Italia)
2016    Carlo Petrini (Italia)
2017    Antonio Citterio (Italia)
2018    José Graziano da Silva (Brasile)
2019    Lidia Bastianich (Stati Uniti d’America)
2020    Paolo Lopriore e Rosa Soriano (Italia)

0 151

Le associazioni Libera e Barcobaleno
in collaborazione con il MAF e il Comune di Forlimpopoli propongono

VIVERE, STORIE DI UMANA BELLEZZA
Una storia, quattro storie

di UGO BERTOTTI
dal 9 ottobre al 9 gennaio

Sabato 9 ottobre alle ore 10.30
presso il Teatro cinema Verdi di Forlimpopoli
INAUGURAZIONE della mostra del fumettista Ugo Bertotti,
tratta dall’omonimo graphic novel e VISITA GUIDATA assieme all’autore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La mostra, realizzata dall’Associazione Libera Forlì Cesena e dall’Associazione Barcobaleno in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Forlimpopoli, vedrà esposte 45 tavole dell’artista in un percorso che si sviluppa all’interno del MAF, Museo Archeologico di Forlimpopoli.

Saranno presenti la Sindaca Milena Garavini, l’Assessore alla cultura, Paolo Rambelli, Franco Ronconi, referente provinciale di Libera, il Prof. Hasan Awad, in collegamento online, la Prof.ssa Flavia Rambelli, Presidente Provinciale dell’Associazione AIDO e il protagonista della mostra, l’artista Ugo Bertotti.

Una mostra che ha visto l’adesione del Liceo Artistico di Forlì, già coinvolto nel progetto, tre organizzazioni studentesche e 24 Associazioni, tra le quali due di religione Islamica e quattro di fede Cristiano Cattolica.

Quattro storie di umana bellezza, troppo spesso trascurata a vantaggio della violenta crudeltà della disumana esistenza, che chiedono visibilità, per dare vita ad una convivenza di pace, di speranza.


VIVERE. Una storia, quattro storie

Quando il nostro sentirci parte della stessa casa, la Terra, diventa azione e non solo esercizio mentale di vita, nascono e si perpetuano storie come quella di Selma.
VIVERE è semplicemente la vita che continua grazie alla morte di Selma e il dono dei suoi organi.
Un regalo che chiede solo di salvare altre persone.
Palestina, Siria, Damasco e Yarmouk: aree di fuga, zone dove non si riesce a VIVERE e allora, per chi può fuggire dagli attentati, dalle guerre, dai bombardamenti, la fuga diventa speranza.
Con Selma affrontiamo ancora una volta il pesante dramma delle migrazioni, la ricerca di una vita degna di essere vissuta ad ogni costo.
Il graphic novel di Ugo Bertotti tratta questo argomento da varie angolazioni: attento all’umanità travolgente di questa storia, affronta il tema sanitario con una naturalezza disarmante entrando nelle vicende dei personaggi e narrando, senza alcun clamore, scelte che potrebbero riempire le prime pagine dei giornali.
Gli approfondimenti e gli incontri con i personaggi di questo graphic novel sono reali, così come reali sono i racconti, le emozioni, le scelte condivise nel rispetto dei protagonisti.
Rispetto e naturale umanità che stanno alla base della convivenza e fanno capire come di Religioni non si muore, ma al contrario queste vengano USATE per manipolare interi Popoli, sempre e solo a difesa di interessi puramente economici dei soliti pochi.
In questa storia vince e vive il NOI, attraverso quegli organi, donati da Musulmani praticanti, il marito e i figli di Selma, che riprendono a VIVERE nel corpo di un sacerdote, di un ex militare e di una donna, Cattolici, Cristiani.
Semplicemente VIVERE.

Franco Ronconi, Referente Provinciale Associazione Libera Forlì Cesena


ORARI DI APERTURA DELLA MOSTRA

Dal 9 ottobre 2021 al 9 gennaio 2022 aperto tutti i sabati e domeniche dalle 15,30 alle 18,30.

E’ possibile effettuare la visita per gruppi organizzati, sia scolastici sia privati, in giornate diverse, al seguente numero telefonico: 0543 748071info@maforlimpopoli.it

Green pass obbligatorio.

0 101

In occasione della Giornata Nazionale dei Borghi Autentici d’Italia

Domenica 10 ottobre 2021
dalle ore 15.30 alle ore 18.30

Visita guidata al MAF
P.zza Fratti 5 – Forlimpopoli

“Alla corte di Brunoro II Zampeschi”

Affascinante percorso alla scoperta del Museo Archeologico “T. Aldini” e della Rocca Ordelaffa, la sua funzione originale, il fossato, il ponte levatoio, le mura, i camminamento di ronda e il riutilizzo delle sue strutture interne.

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Al numero di telefono 0543 748071
(dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30, sabato e domenica 15.30 – 18.30)

entro le ore 12.30 di venerdì 8 ottobre

 


INFO

Il numero massimo previsto è di 15 persone a gruppo.
I biglietti si possono acquistare direttamente il giorno della visita presso la biglietteria del MAF
Costo € 5,00 – gratuito per bambini sotto i 7 anni

Maggiori info sul sito del Museo Archeologico di Forlimpopoli: www.maforlimpopoli.it