domenica 26 Settembre 2021

Yearly Archives: 2021

0 19
TUTTI IN COPERTA!

pomeriggi di storie e di esplorazioni
per genitori e bambini da 1 a 6 anni

Appuntamenti del mese di Ottobre 2021

Venerdì 1 ottobre
dai 3 anni in su
STORIE DI ANIMALI… E CAMBIAMENTI!
a cura di Daniela Carlini Gentili, Ass.ne NODI

 

Venerdì 8 ottobre
da 1 a 3 anni
GIROGIROTONDO. IMMAGINI E MELODIE
PER GIRARE INTORNO AL MONDO 
a cura di Saula Cicarilli, Ass. NODI

 

Venerdì 15 ottobre
dei 3 anni in su
TRA GLI ANIMALI DI CALVINO
a cura di Ugo Caparini, Ass.ne NODI

 

Venerdì 22 ottobre
dai 2 anni in su
C’ERA UNA VOLTA…
a cura dei volontari del progetto Nati per Leggere

 

Le narrazioni del venerdì si svolgeranno nel FOSSATO DELLA ROCCA di Forlimpopoli (in caso di maltempo ci si sposterà nella Sala del Consiglio Comunale in piazza Fratti).
Gli iscritti si dovranno dotare di coperta sulla quale sedersi. Saranno presenti anche gli operatori della Biblioteca Comunale con preziosi consigli di lettura.

La partecipazione è gratuita ed obbligatoria
all’indirizzo mail c.famiglie@gmail.com

o al numero di telefono 328.1243117

Il numero di iscrizioni è limitato. Priorità verrà data ai residenti di Forlimpopoli, in ordine di iscrizione. L’iniziativa si svolge osservando le norme di contenimento del contagio da Covid-19.
Per accedere è necessario il Green Pass

 

CONTATTI

Sede Territoriale di Forlimpopoli:
dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00
Servizi Sociali, via Bazzocchi 4 (Casa della Salute , I piano), tel: 0543.749233 Il Referente territoriale per il Comune di Forlimpopoli è reperibile al: 328.1243117 – c.famiglie@gmail.com
Pagina Facebook “Bambini si nasce, Genitori si diventa – Forlimpopoli

0 41
E’ un fine settimana particolarmente denso di appuntamenti nel nome di Dante quello in programma sabato 25 e domenica 26 settembre, a Forlimpopoli.
Sabato 25 settembre alle ore 16.30
presso la Sala del Consiglio
(P.zza Fratti)
  • Presentazione del “II atto” della mostra “Dantesca”, intitolato “Forme, Segni, Colori. Pellegrinaggi danteschi”, ospite della Galleria d’Arte A casa di Paola (sita in via Costa 22).
    Interverrà il curatore e critico d’arte Orlando Piraccini, che accompagnerà quindi gli intervenuti alla vernice presso la Galleria.
    La mostra, visitabile i martedì, giovedì e domenica dalle 10 alle 12 e i mercoledì, venerdì e sabato dalle 17 alle 19 resterà aperta fino all’8 ottobre e ospita opere di Giovani Benzi, Mario Bertozzi, Fabio Colinelli, Silvano D’Ambrosio, Amissao Lima, Miria Melandri, Pasquale Marzelli, Massimo Sansavini, Daniele Tamburro, Paolo Tassinari e Alessandro Turroni.

    Per maggiori info contatta il numero 339 6597530 – scrivi all’indirizzo mail paolagatti29@gmail.com
    oppure clicca qui.

  • A seguire, sempre presso la Sala del Consiglio Comunale, sulle 17.30, si terrà il finissage dell’esposizione presso il MAF dell’opera dedicata a Dante dagli studenti del Liceo delle Scienze Sociali di Forlimpopoli.
    In occasione della sua realizzazione gli studenti hanno anche registrato un video sul “dietro le quinte” che verrà proiettato per l’occasione nella sala consiliare, che si trova nello stesso complesso del Museo Archeologico, aperto al pubblico il sabato e la domenica pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30.
    Interverrà la dirigente del Liceo, prof.ssa Mariella Pieri.


  • Un doppio appuntamento con la figura e l’opera di Dante alla Rocca di Forlimpopoli nei week end del 25 e 26 settembre e del 2 e 3 ottobre a cura del Liceo Scientifico di Forlì con il progetto “La divina impresa”.
    Studenti e studentesse del liceo forlivese hanno infatti messo a punto un gioco di ruolo e – con la consulenza della Shadow – un escape room a tema dantesco e, cercando un luogo particolarmente ricco di suggestioni, hanno scelto la Rocca di Forlimpopoli con la sua corte ed suoi camminamenti.
    Il gioco di ruolo, in particolare, si terrà con un turno unico, in tre sessioni parallele, dalle 16 alle 20 per gruppi da 3 a 5 giocatori, mentre l’escape room prevede ingressi ogni ora dalle 18 alle 22 (ultimo ingresso) per gruppi di max 4 giocatori, che avranno quindi a disposizione circa 45 minuti di tempo per cercare di fuggire dalla Rocca risolvendo gli enigmi messi a punto dagli studenti.
    Entrambi i giochi – con ingresso libero – verranno svolti nel rispetto delle normative anti-covid vigenti.

    Per maggiori info e per scoprire come partecipare ai gioghi danteschi clicca qui


 

  • Nella giornata di domenica 26 settembre si avvia alla conclusione la mostra “Reperti di vita” di Matteo Lucca che ha straordinariamente animato le sale del Museo Archeologico di Forlimpopoli negli ultimi due mesi. Le statue di Lucca, realizzate in pasta di pane, si sposano infatti perfettamente con gli ambienti ed i reperti conservati nelle sale museali della Rocca Ordelaffa, acquisendo – e dando – ulteriore significato ai pezzi esposti.
    Per l’occasione, lo stesso Matteo Lucca condurrà una visita guidata al percorso espositivo (ore 17.00), al termine della quale alcune riproduzione in pane delle sue opere, preparate per l’occasione, saranno offerte al pubblico intervenuto, secondo lo spirito di sacrificio ed offerta sotteso alle opere stesse.
    “Nel 2004 – spiega infatti l’artista – organizzai una mostra con altri artisti il cui tema centrale era il cibo. Fu allora che mi chiesi come potevo interpretarlo avvalendomi della figura umana. Pensai alla teglia in terracotta che si usa tradizionalmente per cucinare la piadina romagnola e come sarebbe stato se quella teglia fosse diventata il calco del mio viso. Al tempo fu un gioco, che riemerse dieci anni dopo. Nel frattempo mi ero avvicinato al buddismo tibetano: sono sempre stato un pessimo praticante, ma una meditazione legata all’offerta del corpo mi ha affascinato. In qualche modo ho ripercorso le immagini di quella meditazione reinterpretandola attraverso le mie radici. Da quel momento il lavoro si è costantemente arricchito e dal voler essere incentrato sull’offerta del corpo, ora racconta sempre più l’essere umano “in senso verticale”, toccando gli aspetti più elementari della sopravvivenza (il pane come alimento essenziale e basilare) fino a quelli più elevati e spirituali (il pane come corpo spirituale).”

0 32

Sabato 25 e domenica 26 settembre 2021
allo SPINADELLO
Via Ausa Nuova, 741 Forlimpopoli

VIVI IL TUO FIUME!
Due giornate alla scoperta dei meandri
del fiume Ronco e del torrente Voltre

Il 26 settembre si celebra la Giornata mondiale dei fiumi, istituita nel 2005 con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e incoraggiare una migliore gestione dei corsi d’acqua in tutto il mondo. Purtroppo in Italia meno della metà dei corsi d’acqua è in un buono stato ecologico e nonostante l’urgente necessità di ripristinare gli ecosistemi degradati, affrontando le cause principali della perdita di biodiversità, gli interventi sono spesso lontani dall’essere risolutivi.

Per questa occasione i ragazzi dello Spinadello vi invitano a vivere il fiume Ronco-Bidente e il suo affluente Voltre, con una pedalata e una passeggiata che si terranno il 25 e il 26 settembre!

A Forlimpopoli e a Meldola, ti accompagneranno insieme alle associazioni, alle guide ambientali escursionistiche – mtb e alle realtà del territorio che hanno preso parte anche al progetto Ronco-Bidente partecipato e che in rete lavorano per la tutela e la valorizzazione storico-sociale e ambientale del fiume e della sua vallata.

 

Sabato 25 settembre
Pedalata lungo i meandri del fiume Ronco

📍 Punto di ritrovo ore 14:30 a Forlimpopoli presso Spinadello (Via Ausa Nuova 741)

Percorso ad anello di circa 12 km che tocca gli ex vasconi della Sfir, il Ronco Lido, il lago FO.MA e Magliano, passando per il Sito di Importanza Comunitaria “Meandri del fiume Ronco”. Rientro a Spinadello e merenda previsti per le ore 17:30, presso la centrale di sollevamento sarà inoltre visitabile la mostra fotografica Georama.

La pedalata è aperta a tutti, purché muniti di bicicletta adeguata a un percorso misto-sterrato.

INFO: 328 9582919 | spinadello@gmail.com

Per partecipare è necessario compilare il forum di iscrizione che trovi a questo link, entro sabato 25 settembre (ore 13:00).

Domenica 26 settembre
Passeggiata lungo il torrente Voltre

📍 Punto di ritrovo ore 09:30 a Meldola presso il Parco delle Fonti (Via Indipendenza 9A)

Passeggiata ad anello di circa 12 km da Meldola a Castelnuovo e rientro. Il percorso si snoda su terreni misti ed è aperto anche a bambini e ragazzi dai 10 anni in su.

Porta il tuo picnic oppure prenota il pranzo al sacco con prodotti a Km0 (contributo €5).

INFO : 348 8593690 | spinadello@gmail.com

Per partecipare è necessario compilare il forum di iscrizione che trovi a questo link, entro sabato 25 settembre (ore 13:00).

0 146
Domenica 26 settembre 2021

Presso il Parco Urbano di Forlimpopoli – L. Lama

La Polisportiva Azzurra di Forlimpopoli organizza,
in collaborazione con SNOOPT BIKE di Forlimpopoli

1° edizione – Duathlon in Coppia/Staffetta

“AZZURRA DUATHLON FORLIMPOPOLI”

Il Parco Urbano Lama di Forlimpopoli ospiterà la prima edizione di “Azzurra Duathlon”, evento sportivo che abbina per l’appunto due discipline, corsa a piedi e mountain bike, e che prevede  frazioni effettuate in coppia/staffetta (corsa a piedi + bici + corsa a piedi): una manifestazione non competitiva rivolta a tutti coloro che vogliono mettersi alla prova in una gara unica nel suo genere che andrà a valorizzare diversi luoghi di Forlimpopoli.

Le distanze e le modalità che i partecipanti dovranno affrontare sono le seguenti:

  • Prima frazione di corsa a piedi di circa 5 Km e successivo cambio/staffetta all’arrivo;
  • Seconda frazione, il compagno/a di staffetta successivo, percorrerà il tragitto in MTB di circa 15 Km e giunto all’arrivo passerà il testimone al precedente frazionista;
  • Terza e ultima frazione di 2 Km, che dovrà essere percorsa attorno al parco.

Punti di partenza e arrivo posti nelle vicinanze della piazzetta di via Marconi.

I percorsi verranno effettuati su strade prevalentemente sterrate a partire dal parco e passando per le prime colline di Bertinoro, l’Ausa e nei dintorni del parco urbano.
Gli scopi della Manifestazione sono due, il primo è quello di promuovere lo Sport, cercando di coinvolgere più persone possibili alla pratica del movimento e che vogliono misurarsi con se stessi, coniugando le due discipline (Running e Mountain Bike), il secondo è quello di far conoscere e promuovere le bellezze del territorio nel contesto paesaggistico, come il parco e i suoi dintorni.

 


PROGRAMMA

ore 7.30 – ritrovo e ritiro pettorale

ore 9.00 – partenze differenziate

ore 13.30 – termine evento

Obbligo di preiscrizione tramite mail all’indirizzo asdpolazzurra@gmail.com
entro e non oltre il 20 settembre 2021,
quota di iscrizione € 10,00.

L’iscrizione è individuale e si chiuderà al raggiungimento di max 200 iscritti.
Per chiarimenti contattare il numero 338 8503802 (Massimo).

Si garantisce il rispetto delle normative COVID.

Ogni partecipante iscrivendosi dichiara di approvare il regolamento di questa manifestazione.

 

 

 

0 1041

Sabato 18 e Domenica 19 settembre Forlimpopoli
ospiterà anche quest’anno l’evento

Ironman Italy 2021

Emilia-Romagna
Sabato 18 e domenica 19 settembre Forlimpopoli accoglierà il passaggio degli atleti che partecipano alla manifestazione sportiva “Ironman”, unica data italiana del celebre circuito americano, che porta in Romagna migliaia di atleti da 98 paesi diversi. Il percorso della long distance consiste nella somma di tre prove classiche: 3,86 chilometri a nuoto nelle acque del Mare Adriatico, 180,260 chilometri in bici attraverso il Parco naturale delle Saline di Cervia e l’entroterra fino al Borgo di Bertinoro, per terminare poi con la maratona di 42,195 chilometri coinvolgendo, insieme a Forlimpopoli, i comuni di Cervia, Bertinoro, Ravenna, Forlì e Cesena.
Il tempo massimo per raggiungere il traguardo è di 16 ore, la gara è valida per la qualificazione alla finale di Kona alle Hawaii.
.
La gara comporterà di necessità delle variazioni alla normale viabilità, dal primo mattino (ca. 7.30) al secondo pomeriggio (ca. 17.30), sia di sabato 18 che di domenica 19 settembre, nei prossimi giorni sarà diffuso l’elenco delle vie interessate.

ORDINANZE CON PROVVEDIMENTI DELLA CIRCOLAZIONE

Clicca per scaricare il testo dell’Ordinanza Dirigenziale dell’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese per il Comune di Forlimpopoli, ci troverai gli orari e le vie in cui sarà predisposto il divieto di sosta con rimozione forzata e l’elenco delle vie con orari dei divieti di transito per le giornate di sabato 18 e di domenica 19 settembre.


Se vuoi informazioni su tutte le strade dei diversi comuni interessati dalla gara,
consulta il link alla pagina di MyMaps con la mappa interattiva delle strade chiuse:
https://www.google.com/maps/d/edit?mid=1IMCK9CmkU0kznGYwOdOd8-okyLFJZXrF&usp=sharing

Se vuoi partecipare all’evento come volontario potrai trovare tutte le info cliccando qui:
https://forms.gle/8SqNU22pZPJHVXGb7


Per approfondimenti sul territorio di Forlimpopoli,
su orari, strade chiuse e percorsi alternativi
oppure se hai particolari esigenze contatta: 
l’indirizzo mailturismo@comune.forlimpopoli.fc.it
oppure chiama il numero 337 1180314 (dalle 9.30 alle 12.30)

Questo il percorso ciclistico che interessa le vie del Comune di Forlimpopoli, è indicato anche nel volantino che sarà distribuito ai cittadini di Forlimpopoli e disponibile presso il Comune e l’Ufficio Informazioni Turistiche (U.I.T. in via A. Costa n.23).

COSE DA SAPERE SE VIVI A FORLIMPOPOLI 
  1. USA LA BICI – nei giorni delle gare gli spostamenti saranno difficili, cerca di spostarti a piedi o in bicicletta.
  2. FAI LA SPESA – se devi fare la spesa è meglio farla nei giorni precedenti le gare.
  3. SFRUTTA I GIORNI PRIMA –  se devi spostarti in auto per fare commissioni, visita ad amici o parenti è meglio farlo nei giorni precedenti le gare.
  4. PARCHEGGIA L’AUTO ALL’ESTERNO DEI PERCORSI – se non puoi evitare di usare l’auto nei giorni delle gare, parcheggia all’esterno dell’area coinvolta.
  5. RITIRO RIFIUTI – esponi i bidoni la sera di venerdì 17, al fine di consentire il ritiro nelle prime ore del mattino di sabato.
  6. VISITE CIMITERIALI – il cimitero di via Papa Giovanni XXIII rimarrà chiuso nelle giornate di sabato 18 e domenica 19 settembre.
  7. INFORMATI BENE –  se abiti nella zona delle gare, informati sulla viabilità prevista nei giorni delle competizioni.

Nella giornata di sabato 18 settembre 2021 le scuole di Forlimpopoli saranno chiuse, questa l’ordinanza del Sindaco:


Per consentire la manifestazione IRONMAN sono istituiti divieti di transito delle linee degli autobus Start Romagna, pertanto sabato 18 settembre le linee 92-125-126-133-134-136-149-208-241-250-277 effettuano le seguenti modifiche di percorso, valevoli dalle 6.30 alle 19 a Cervia dalle 7 alle 18 nel resto del territorio, mentre domenica 19 settembre sarà interdetta la circolazione in dalle 12.00 alle 19.00.

Per maggiori informazioni consulta il sito della Start Romagna.

— — —

Linee 92 e 125

In entrambe le direzioni

A Forlimpopoli, percorrono la tangenziale esterna, alla rotatoria “Artusi” (lato Forlì) entrano verso il centro di Forlimpopoli, invertono la marcia alla successiva rotatoria (Bennet) ed effettuano fermata “Iper Forlimpopoli”.

Fermate sospese (entrambe le direzioni): “Forlimpopoli Chiesa” – “Rotonda Marconi” – “Forlimpopoli Centro”.

— — —

Linea 133

Direzione > Cesena
Alla rotatoria di Selbagnone, prosegue verso la rotonda “Artusi”, entra verso il centro di Forlimpopoli, inverte la marcia alla rotatoria (Bennet) per effettuare la fermata “Iper Forlimpopoli”, poi percorre la tangenziale e percorso ordinario.

Direzione > Meldola > S. Sofia
Stesso percorso al contrario

— — —

Linea 134

Direzione > Bertinoro (via Panighina) e ritorno (al contrario)
Parte dalla fermata “Iper Forlimpopoli” direzione Forlì, alla rotatoria “Artusi” svolta a destra sulla tangenziale, prosegue sulla via Emilia fino a raggiungere la rotatoria di Diegaro svolta a destra in via Settecrociari, poi via S. Mauro (SP65) e raggiunge Bertinoro, da viale Carducci svolta verso Montemaggio ed effettua inversione e capolinea nei pressi della rotatoria “del Vignaiuolo” (*fermata provvisoria).

Direzione > Fratta Terme e ritorno (al contrario)
Proveniente da Forlì, inverte la marcia alla rotatoria “Bennet” ed effettua la fermata “Iper Forlimpopoli”, alla rotatoria “Artusi” raggiunge la rotatoria di via Selbagnone/via Meldola e continua su percorso normale. Per il ritorno capolinea da fermata provvisoria Bennet.

Direzione > Forlimpopoli e ritorno (al contrario)
Per il ritorno capolinea da fermata provvisoria Bennet.

— — —

Linea 149 e 136

Direzione > Mensa – Matellica > Forlimpopoli e ritorno (al contrario)
A Santa Maria Nuova, dopo la fermata “Scuole”, inverte la marcia percorrendo via Togliatti, via A. Garibaldi, via De Gasperi, tornano a S. Pietro in Guardiano, via Dismano fino a Torre del Moro poi via Emilia, a Forlimpopoli percorrono la tangenziale, alla rotonda Artusi, entrano verso il centro di Forlimpopoli e invertono la marcia alla rotatoria (Bennet) per effettuare la fermata “Iper Forlimpopoli” e percorso ordinario.

Direzione > Mensa – Matellica
Stesso percorso al contrario

 

0 119

Sabato 11 settembre ore 10.00

ANTIGINNASTICA e NATURA 
Vestirsi – Scoprirsi
I muscoli sono un vestito, scopriamoli

Presentazione del metodo, con esposizione dell’opera SHE di Cinzia Pompinetti.

L’Antiginnastica è un metodo di benessere originale che permette a chiunque di conoscersi meglio, di appropriarsi del proprio corpo e di abitarlo.

Ideata agli inizi degli anni ’70 dalla cinesiterapeuta francese Thérèse Bertherat, propone movimenti sottili, precisi e rigorosi che tengono conto dei pensieri, delle emozioni e degli affetti, sempre nel rispetto dell’integrità della struttura corporea.

Il metodo coinvolge l’essere nella sua totalità, corpo e mente intimamente legati. L’Antiginnastica non è una terapia, non é uno sport, né un’attività sportiva, l’esperto certificato Antiginnastica conduce le sedute di gruppo senza mai imporre posizioni e senza mai effettuare manipolazioni.


 

Se vuoi scoprire di più sull’Antiginnastica visita il sito www.antiginnastica.com

Se vuoi partecipare agli incontri presso Spinadello contatta Marie Rascoussier al numero 368 253416

 

0 199

Un dè int la Ròca ad Frampúl
Un giorno nella Rocca di Forlimpopoli

11 – 12 Settembre 2021
XLII EDIZIONE
Torna, dopo un anno di pausa forzata, una delle rievocazioni storiche più attese ed apprezzate del territorio romagnolo, ovvero “Un giorno nella Rocca di Forlimpopoli”, giunta quest’anno alla 42^ edizione e organizzata dalla Pro Loco con il Gruppo Storico Brunoro II e il sostegno del Comune di Forlimpopoli.

La manifestazione, che si tiene fin dalla prima edizione il secondo fine settimana di settembre, rievoca i tre giorni di festa indetti dalla contessa Battistina Savelli per celebrare il ritorno di suo marito, il conte Brunoro II Zampeschi, andato a combattere in Francia al seguito del re francese contro gli eretici Ugonotti. Tanto fu il suo valore in battaglia che gli venne conferita la croce di San Michele. Onorificenza che lo mise in linea di successione alla corona di Francia. La domenica si rievoca il ritorno proprio del conte e l’incontro con la sua amata consorte, che seppe governare con grande maestria Forlimpopoli e gli altri possedimenti.

“È un grande onore per me – dichiara Marco Bondi, neopresidente della Proloco di Forlimpopoli – presentare questa manifestazione perché ad essa sono legato dal lontano 1986, anno in cui ho iniziato a collaborarvi. Sono inoltre molto felice di essere riusciti a riproporre la festa dopo un anno di stop dovuto al Covid, anche solo per due giorni. Ringrazio il Comune di Forlimpopoli perché la comunicazione e la collaborazione tra noi è sempre stata efficace e produttiva”.

La ProLoco di Forlimpopoli vi invita a festeggiare insieme questa edizione della manifestazione!



PROGRAMMA della FESTA RINASCIMENTALE

Sabato 11 settembre 2021

ore 15.30 – 19.30
apertura del MAF – Museo Archeologico di Forlimpopoli “T. Aldini” in occasione della Festa Rinascimentale.

ore 16.00
nel cortile interno della Rocca
Lo scudo di Brunoro
Laboratorio creativo per realizzare uno scudo in stile rinascimentale.
Massimo 15 bambini dai 5 ai 11 anni. Laboratorio gratuito. Prenotazione obbligatoria.
A cura della Sezione Didattica del MAF.

ore 16.00
nel fossato della Rocca
banchi con giochi rinascimentali aperti al pubblico.

Ore 17.30
nel cortile interno della Rocca
Lo scudo di Brunoro
Laboratorio creativo per realizzare uno scudo in stile rinascimentale.
Massimo 16 bambini dai 5 agli 11 anni. Laboratorio Gratuito. Prenotazione obbligatoria.
A cura della Sezione Didattica del MAF.

Ore 20.30
Piazza antistante la Rocca
Joglar
Giocolieri e acrobati del fuoco si alterneranno con acrobazie eccezionali in numeri sempre più difficili di grande spettacolarità e fisicità.


Domenica 12 settembre 2021

ore 11.30
nella Chiesa di San Rufillo
celebrazione della S. Messa  con l’offerta dei ceri e benedizione dei vessilli

ore 15.30 – 19.30
apertura del MAF – Museo Archeologico di Forlimpopoli “T. Aldini” in occasione della Festa Rinascimentale.

ore 16.00
nel cortile interno della Rocca
Assalto alla Rocca!
Laboratorio creativo per realizzare un torrione della Rocca in argilla.
Massimo 16 bambini dai 5 agli 11 anni. Laboratorio gratuito. Prenotazione obbligatoria.
A cura della Sezione Didattica del MAF.
Tutte le attività sono offerte dalla Pro Loco di Forlimpopoli.

ore 17.30
nella piazza antistante la Rocca
corteo storico per accogliere il conte Brunoro II Zampeschi di ritorno dalle terre di Francia
a seguire
corteo dei doni, duelli di armati, esibizioni di sbandieratori e tamburini, esibizioni di giullari.


INFO e PRENOTAZIONI 

Durante la manifestazione si attueranno le misure vigenti per il contenimento di COVID-19. Per accedere alle zone spettacolo sarà obbligatorio presentare il GREEN-PASS.

Tel. 347 5635534 (il sabato e la domenica dalle 15.30 alle 18.30)
Mail. prolocoforlimpopoli@gmail.com 
Sito web. www.ungiornonellarocca.com www.maforlimpopoli.it

 

0 142
Domenica 5 settembre 2021
dalle ore 16.00

Presso via Vicinale Montanara – Forlimpopoli

Giornata di eventi con l’Associazione Qua la Zampa!

Domenica 5 settembre l’Associazione Qua la Zampa, che presta assistenza ai gatti abbandonati e ne promuove l’adozione, organizza una giornata di festa in via Vicinale Montanara a Forlimpopoli.

A partire dalle 16 si potrà visitare il mercatino dell’usato e gustare una merenda (o anche la cena) con le proposte dell’Amburgheria Creativa.

Parte del ricavato della giornata andrà all’associazione per il sostegno alle sue attività.

 

L’evento si svolgerà nel rispetto delle norme anti COVID.

Per info contattare il numero: 349 3421338.

0 152

 

Anche per il 2021 l’Amministrazione Comunale di Forlimpopoli ha aderito all’iniziativa Wiki Loves Monuments, iscrivendo alcuni monumenti cittadini al concorso per appassionati di fotografia e professionisti, senza limiti di età.

 

Wiki Loves Monuments è l’edizione italiana del più grande concorso fotografico del mondo, un contest dedicato ai monumenti, che invita tutti i cittadini a documentare la propria eredità culturale realizzando fotografie con licenza libera, nel pieno rispetto del diritto d’autore e della legislazione italiana in merito.

Obiettivo di Wiki Loves Monuments è la valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale italiano sul web.

Le fotografie dei monumenti vengono condivise su Wikimedia Commons, il grande database di immagini di Wikipedia, con licenza libera CC-BY-SA. Wiki Loves Monuments contribuisce infatti a diffondere la filosofia di Wikimedia Italia e di tutti i progetti wiki, che si basano sulla libera condivisione della cultura.

Come partecipare a Wiki Loves Monuments
Puoi caricare le tue foto su Wikimedia Commons direttamente dal telefono, utilizzando la nuova app, oppure seguendo la procedura spiegata nella sezione “fotografi” al seguente link

Sono accettate immagini di monumenti fatte in qualsiasi momento dell’anno, ma, perché siano valide per il concorso, le foto devono essere caricare tra il 1° e il 30 di settembre. Se segui la procedura guidata, le foto parteciperanno automaticamente ai concorsi locali e, se selezionate, a quello internazionale.

 

Questo il regolamento:

il concorso si propone di valorizzare e documentare l’immenso patrimonio culturale dell’Italia sul web, promuovendo la sua ricchezza artistico-culturale presso una vasta platea internazionale, in particolare, attraverso la promozione della conoscenza e i progetti a contenuto libero sostenuti da Wikimedia Foundation e da Wikimedia Italia stessa, tra i quali Wikipedia.

Art. 1 – Definizione del concorso
Wiki Loves Monuments è un concorso fotografico che potenzia la visibilità dei monumenti e invita ciascuno a essere protagonista nel documentare, valorizzare e tutelare il patrimonio culturale.
L’iniziativa si inserisce in un contesto internazionale: le edizioni nazionali e/o locali di Wiki Loves Monuments sono infatti promosse contemporaneamente dal 1º al 30 settembre in diversi Paesi del mondo.

Art. 2 – Requisiti e modalità di partecipazione
La partecipazione al concorso è gratuita e aperta a tutti, previa registrazione sul sito Wikimedia Commons.
Gli utenti, all’atto della registrazione su Wikimedia Commons, dovranno specificare un proprio indirizzo e-mail in modo da poter essere contattati privatamente da Wikimedia Italia. La mancata indicazione di un indirizzo e-mail valido comporta l’impossibilità di concorrere al premio.
Tutti i partecipanti sono chiamati a rispettare le regole di comportamento vigenti presso i luoghi dove ha sede ogni singolo bene o monumento. Partecipare al concorso non implica possedere particolari privilegi nell’accesso alle sedi dei monumenti (salvo diversamente indicato dai gestori del luogo). Per esempio, se vige il divieto di utilizzare il cavalletto o il flash, tale divieto va rispettato; se è richiesto il pagamento di un biglietto d’ingresso a un museo, sarà necessario acquistarlo.

Art. 3 – Requisiti delle fotografie che partecipano al concorso
Le fotografie:

  • devono essere realizzate e caricate esclusivamente dal fotografo che partecipa al concorso;
  • devono essere caricate su Wikimedia Commons durante il mese di settembre;
  • possono essere state scattate anche precedentemente, ma non devono essere già state pubblicate su Commons prima dell’inizio del concorso;
  • devono avere come soggetto un bene culturale o una vista di insieme scelti tra quelli presenti nelle liste pubblicate sul sito https://it.wikipedia.org/wiki/Progetto:Wiki_Loves_Monuments_2021/Monumenti;
  • devono preferibilmente essere caricate attraverso la procedura guidata apposita; è possibile, ma sconsigliato, utilizzare il caricamento manuale, ricordandosi però di inserire il codice identificativo del bene culturale (ID) e le categorie appropriate;
  • devono avere un breve titolo descrittivo del soggetto ripreso, che comprenda un breve riferimento al nome del monumento o alla vista d’insieme con alcuni dettagli ulteriori; sono caldamente sconsigliati i nomi generati dallo scatto della foto (p. es. codici alfanumerici o nomi generici e non significativi);
  • devono essere caricate in uno dei formati ammessi da Wikimedia Commons, come per esempio JPEG, PNG e TIFF e pubblicate accettando almeno la licenza Creative Commons Attribuzione – Condividi allo stesso modo proposta dal sistema (il cui testo legale integrale è disponibile all’indirizzo https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0/legalcode) o licenze più aperte;
  • devono avere la massima risoluzione e la minima compressione possibili;
  • possono essere essere modificate solo con tecniche quali adattamenti della luminosità, contrasto e colore, sovraesposizione e sottoesposizione;
  • non devono riportare firme o filigrane.

Si invitano i fotografi a compiere una selezione sulle immagini scattate allo stesso monumento per evitare la presenza in Wikimedia Commons di immagini troppo simili fra di loro.

Art. 4 – Pregiuria
Una pregiuria nominata da Wikimedia Italia e composta da un minimo di 10 persone effettuerà, a proprio insindacabile giudizio, una preselezione delle fotografie che partecipano al concorso secondo i criteri descritti nel bando.

Art. 5 – Giuria
La composizione della giuria sarà pubblicata sul sito ufficiale del concorso entro la metà del mese di settembre.
La giuria, a suo insindacabile giudizio, sceglierà, tra le opere selezionate dalla pregiuria, gli utenti vincitori, assegnando i premi a disposizione agli utenti che riterrà meritevoli.

Art. 6 – Criteri per la selezione delle opere finaliste
I criteri che saranno utilizzati da parte della giuria per la valutazione delle candidature proposte e la scelta delle opere finaliste, laddove applicabili, sono:

  • qualità tecnica, includendo in questo anche la definizione e risoluzione dell’immagine, a cui verrà assegnato un peso nella valutazione pari al 30% del punteggio totale assegnato;
  • interpretazione personale ed equilibrio tra capacità narrativa ed estetizzazione, a cui verrà assegnato un peso pari al 20% del punteggio totale assegnato;
  • utilità per Wikipedia: qualità dell’immagine bilanciata con le esigenze di rappresentazione documentaria a cui verrà assegnato un peso pari al 50% del punteggio totale assegnato.

A parità di valutazione, saranno privilegiate le immagini di monumenti scarsamente rappresentati nelle precedenti edizioni.

Art. 7 – Scadenza e data di premiazione
La data ultima di scadenza per caricare in Wikimedia Commons le proprie fotografie è fissata alle ore 23:59 (ora italiana) del 30 settembre di ogni anno.
La premiazione avverrà entro 4 mesi dal termine del concorso, in data e luogo che verranno successivamente definiti.

Art. 8 – Natura dei premi, montepremi e consegna
I premi sono offerti da Wikimedia Italia e dai suoi sponsor e partner tecnici. Il valore del montepremi verrà reso noto sul sito ufficiale del concorso e verrà calcolato sul totale del valore commerciale degli oggetti IVA inclusa.
Wikimedia Italia avrà la facoltà di consegnare di volta in volta i premi alla cerimonia di premiazione. Eventuali buoni acquisto non sono rimborsabili e non possono essere convertiti in denaro.

Art. 9 – Variazioni
Qualsiasi variazione riguardante le modalità di partecipazione potrà essere adottata solo da Wikimedia Italia e, qualora ricorra la necessità, comunicata ai partecipanti.

Art. 10 – Accettazione del regolamento
La partecipazione al concorso implica la conoscenza e accettazione integrale del presente regolamento.

Art. 11 – Pubblicazione
Il Regolamento e bando di concorso vengono pubblicati sul sito ufficiale di Wiki Loves Monuments Italia.

Per ulteriori informazioni, scrivere al seguente indirizzo e-mail: contatti@wikilovesmonuments.it

Wikimedia Italia – Associazione per la diffusione della conoscenza libera Via Bergognone, 34 – 20144 Milano segreteria@wikimedia.it

 

0 440

Sono quattro – organizzate da Accademia degli Incamminati e Caffè Michelangiolo, Ics Fectori Art, Circolo fotografico La Roccaccia e Paola Gatti – e si dipanano tra Modigliana e Forlimpopoli le mostre che proseguono e arricchiscono idealmente il percorso segnato dalla mostra “Dante. la visione dell’arte” che è stata protagonista quest’anno dei Musei di San Domenico a Forlì.

Si parte da Forlimpopoli il 4 settembre con il “primo atto” della mostra Dantesca curata presso la galleria “A casa di Paola” (in via Costa 22) da Orlando Piraccini e dedicata all’illustrazione dell’ “Inferno” da parte di Roberto Casadio. Intitolata “A l’altra riva fra la perduta gente” la mostra raccoglie dipinti, disegni, acquarelli del maestro forlivese prematuramente scomparso lo scorso anno.

Dall’11 al 19 settembre ci si sposta quindi a Modigliana per gli altri 3 eventi espositivi, ovvero “Convivio”, allestito all’Ex filanda di Modigliana, in via Don G. Verità, curata dall’Accademia degli Incamminati e Caffè Michelangiolo; “Che muove il sol e l’altre stelle” all’ex Chiesa di San Rocco di Piazza Pretorio Modigliana, a cura di Ics Fectori Art; e “Suggestioni Dantesche” presso la Sala della Misericordia di Piazza Oberdan Modigliana a cura del Circolo fotografico La Roccaccia.

“Convivio” vuole essere un banchetto di conoscenza, dove il rimando dantesco è letterale: Convivio, dal latino convivium, è il titolo del saggio di Dante Alighieri risalente ai primi anni del trecento. Metaforicamente le portate del banchetto dantesco sono canzoni accompagnate da un commento, il pane, volte ad accrescere il sapere dei partecipanti.

“Che muove il sol e l’altre stelle” vuole affrontare il tema della luce come simbolica uscita dalle tenebre recenti da diverse angolazioni e forme espressive, dalla pittura alla scultura al fumetto, l’acquerello e altri aspetti creativi. L’esposizione nella suggestiva sala dell’ex chiesa di San Rocco, intende creare quell’armonia, ma anche scompiglio che si genera proprio dalle diversità delle forme d’arte presentate, ma unite nell’obbiettivo di intrepretare Dante e la sua opera omnia.

“Suggestioni Dantesche” affronta, infine, la sfida posta da Dante, ponendosi in uno stato di libertà assoluta nel proiettare il sommo poeta nella contemporaneità. Quindi Dante può essere chiunque si misuri con le proprie gioie, ma anche paure, amori e inquietudini e proprio per questa ragione abbiamo pensato di lavorare sulle suggestioni che il sommo poeta ci ha trasmesso nell’immenso poema.

Dal 25 settembre all’8 ottobre si tornerà quindi “A casa di Paola” a Forlimpopoli col secondo atto di “Dantesca”, ovvero “Forme, segni, colori. Pellegrinaggi danteschi” che riserverà al visitatore opere liberamente riferite alla Commedia dantesca da parte di noti artisti “amici” della galleria artusiana, oltre alle tavole grafiche eseguite negli anni ’70 da Mario Bertozzi (1927 – 2020), anch’esse ispirate al divin poema.

“Siamo felici, e grati per questo agli organizzatori – dichiarano i due sindaci di Forlimpopoli Milena Garavini e di Modigliana Jader Dardi – che anche quest’anno si sia riuscito a realizzare una mostra diffusa – anzi ben quattro, di cui una in due tempi – tra le due città a conferma non solo della volontà di collaborazione tra le diverse amministrazioni comunali del territorio e le loro associazioni ma anche a conferma del valore riconosciuto alla cultura in generale ed all’arte figurativa in particolare come occasione di dialogo e di confronto, e quindi, in ultima analisi, di sviluppo sociale e di promozione turistico-economica della Romagna nel suo complesso, di cui i comuni medio-piccoli come i nostri rappresentano una parte vitale fondamentale”.

 

Modigliana
dal 11 al 19 settembre 2021
  • Convivio 

    presso ex Filanda di Modigliana
    Via Don G. Verità, Modigliana
    a cura di: Accademia degli Incamminati e Caffè Michelangelo

  • “Che muove il sol e l’altre stelle”

    presso ex Chiesa di San Rocco
    Piazza Pretorio, Modigliana
    a cura di: Ics Fectori Art

  • Suggestioni dantesche

    Sala della Misericordia
    Piazza Oberdan, Modigliana
    a cura di: Circolo Fotografico La Roccaccia

 

Orari di apertura delle mostre a Modigliana:
sabato e domenica 10.00 – 12.00 / 16.30 – 18.30


Forlimpopoli
  • Dantesca 

    presso la Galleria d’arte A Casa di Paola
    via A. Costa, 22 Forlimpopoli
    a cura di: A Casa di Paola

    Dal 4 al 16 settembre 2021
    “A l’altra riva fra la perduta gente”
    opere di Roberto Casadio


    Dal 25 settembre all’8 ottobre 2021

    “Forme, Segni e Colori”
    Mostra collettiva

 

Orari di apertura delle mostre a Forlimpopoli:
martedì, giovedì, sabato e domenica 10.00 – 12.00
mercoledì, venerdì e sabato 17.00 – 19.00
chiuso il lunedì


“A l’altra riva fra la perduta gente”

L’inferno di Roberto Casadio

 

 

 

Tra gli artisti contemporanei che alla “Commedia” dantesca si sono ispirati, Roberto Casadio merita certamente una nota di merito, lui talentuoso disegnatore e pur sempre colorista per vocazione.

Notevolissima è la produzione dell’artista forlivese sulla cantica dell’Inferno. Essa comprende tavole acquarellate, pubblicate nel voluminoso libro intitolato L’inferno di Dante stampato nel 2010 dalla casa editrice Il Ponte Vecchio di Cesena per la cura esemplare di Andrea Brigliadori, preziose icone dipinte ed una innumerevole quantità di schizzi e appunti.

Di questo straordinario “corpus” di opere figura nella mostra odierna una selezione, che si ritiene comunque capace di rendere al visitatore quella “grande scena del male” che, per dirla con Andrea Brigliadori, Casadio ha inteso rappresentare col pensiero rivolto a Dante e al suo Inferno. Da vedere, da contemplare, insomma, come frammenti, momenti di una “commedia”, scaturita da quella dantesca, ma nuova, inedita, mai scritta prima con tanto vigore di segno e tanta espressività di colore.

Come ben ha scritto Brigliadori, dal poema narrativo dell’Alighieri, Casadio ha ricavato una vera e propria rappresentazione teatrale alla cui potente drammaticità non a caso è stata riservata una giusta e considerevole “fortuna critica”. Vi si è specialmente sottolineata la capacità dell’artista di trasformare i personaggi dell’Inferno dantesco in attori recitanti sui significati del male, quello commesso e quello di cui si soffre per pena ricevuta; e nello stesso, si è posta l’attenzione sulle pose e sui movimenti degli interpreti, sulla funzione della luce artificiosamente mutevole, sulla determinata e accurata progettazione di fondali paesaggistici minimi, mai esuberanti e preminenti come quelli che invece si ritrovano nelle più canoniche illustrazioni della Commedia.

Così dunque l’Inferno di Casadio va in scena nel piccolo teatro “A Casa di Paola” di Forlimpopoli. E giova qui sottolineare, ricordando lo straordinario corso d’opera di Casadio, la vicinanza di questo ciclo con un’altra ben nota serie tematica intitolata Vizi capitali. In quella ricostruzione della condizione esistenziale dell’uomo contemporaneo portata sulla scena dall’artista, si ritrovano in fondo, al di là delle scelte tecniche ed esecutive affidate come sempre al talentuoso segno ed all’avvolgente colore, volti e gesti, espressioni e mimici atteggiamenti, gli stessi che vediamo qui per i dannati e per i demoni, nella luce lacerante dell’Inferno dantesco, in edizione Casadio.

 

Questa mostra rappresenta un ricordo tributato a Roberto Casadio uomo e artista di straordinario valore, amico di Forlimpopoli e di “A Casa di Paola”.

Nato il 30 settembre 1942 a Forlì e qui scomparso il 3 gennaio di un anno fa, Roberto Casadio è stato tra i protagonisti della vicenda figurativa romagnola dell’ultimo scorcio del ‘900 e del primo duemila. Risale al 1971, infatti, l’esordio espositivo a Spoleto al Festival dei Due Mondi, a distanza di un decennio dal diploma al Liceo Artistico di Ravenna e dopo aver frequentato l’Accademia di Belle Arti in quella stessa città sotto la guida di valenti artisti come Umberto Folli e Giulio Ruffini. E’ seguita una fitta serie di mostre personali, accompagnate dalla pubblicazione di volumi monografici e tematici, e partecipazioni a importanti rassegne d’arte nella città natale ed in altre città d’arte. Sue opere si conservano nella Pinacoteca Comunale e presso la Fondazione della Cassa dei Risparmi di Forlì ed in numerose raccolte e collezioni pubbliche e private.

Dal 1965 fino al ’99 ha insegnato educazione artistica dapprima in in scuole medie e superiori del nord Italia e successivamente nella città natale.

Orlando Piraccini

 

Dal 4 al 16 settembre 2021 presso la Galleria d’arte A Casa di Paola, via A. Costa, 22 Forlimpopoli
Orari di apertura: martedì, giovedì, sabato e domenica 10.00 – 12.00
mercoledì, venerdì e sabato 17.00 – 19.00
chiuso il lunedì


FORME, SEGNI, COLORI

Pellegrinaggi danteschi

Il secondo momento di Dantesca è da cogliere come un itinerario di viaggio all’interno della Divina Commedia dantesca. Da veri e propri pellegrinaggi fra le cantiche dell’Alighieri sono infatti scaturiti gli esiti creativi degli undici artisti qui riuniti nel ricordo dello scultore forlimpopolese Mario Bertozzi da poco scomparso. Dai luoghi investigati dell’Inferno, del Purgatorio e del Paradiso affiorano personaggi, vicende, storie, con una sorprendente varietà di stili e modi espressivi che rende di per sé suggestiva questa dantesca rappresentazione.

Effetti e suggestioni non mancano, passando da un artista all’altro. Si comincia da Miria Malandri (Forlimpopoli, 1946) e da Silvano D’Ambrosio (Hayange, Francia, 1951) con i loro modi di pensare e di costruire immagini in termini di pittura, sempre in rapporto tra memoria storica e la dimensione dell’attualità.

Un primo “trittico” è quello proposto da Pasquale Marzelli (Arezzo, 1951) che col suo abituale occhio indagatore degli elementi naturali ci riporta ai paesaggi del sacro poema ripercorrendo alcune tappe del viaggio di Dante in Appennino. Con la sua vena altamente poetica, con il candore delle tinte sabbiose che sfumano i contorni delle sue immagini, descrive pagine della Commedia Amissao Lima (Clequisse, Guinea-Bissau, 1958).

Divini sono poi i cieli di Giovanna Benzi, milanese di formazione, cesenate d’adozione, con gli accumuli di nubi mutanti nel transito da una cantica all’altra.

Di Alessandro Turoni (Forlimpopoli 1986) tornano qui le mirabili sintesi della sua propria scultura narrativa come nell’opera dal titolo Dante e Cerbero, evocatrice del tema mitico dello scontro impari.

Sorprendono poi, ancora una volta, le policrome luccicanze di Massimo Sansavini (Forlì, 1961) che allo spettatore si trasmettono dalle sue forme come sempre allusive tra mito e realtà.

All’Inferno dantesco il maestro della pittura digitale, Fabio Colinelli (Forlimpopoli, 1968) accosta il celebre “trionfo della morte” di Bruegel, mediante una rivisitazione analitico dello spazio scenico della triplice cantica e dell’intreccio umano che caratterizza l’opera del pittore fiammingo.

La poliedrica creatività di Daniele Tamburro (Forli, 1960), torna qui con alcune opere tra le quali un Inferno riflesso in uno dei suoi magnifici gioielli, una collana di argento e bronzo, smalti vitrei filati, con i suoi mali e con le sue pene.

A Beatrice è dedicato il grande dipinto di Paolo Tassinari (Genova, 1970) perché lei è l’essenza dell’esistenza di Dante, “colei che – spiega l’autore – lo accompagnerà con la sua presenza eterea e impalpabile per tutta la vita, tenendolo metaforicamente per mano”.

Infine la “dedica” a Mario Bertozzi, con una serie di opere grafiche risalenti al 1974. Ritrovate nello studio dello scultore poco tempo dopo la sua scomparsa, esse insistono sui gironi infernali, tra viluppi di diavoli e dannati. Qui torna il segno bertozziano, recentemente visto anche nel ciclo dedicato a Pinocchio, virtuosamente continuo, al tempo stesso incisivo e plastico.

E’ dunque un insieme a mosaico quello offerto al visitatore dall’apparato espositivo di questo secondo atto della Dantesca, pensato e costruito come una dedica speciale al sommo poeta, al suo sapere che si sa infinitamente grande anche nel contesto delle arti della pittura e della scultura del suo tempo.

 

Dal 25 settembre all’8 ottobre 2021 presso la Galleria d’arte A Casa di Paola, via A. Costa, 22 Forlimpopoli
Orari di apertura: martedì, giovedì, sabato e domenica 10.00 – 12.00
mercoledì, venerdì e sabato 17.00 – 19.00
chiuso il lunedì

 

CONTATTI
Tel. 339 6597530
Mail. paolagatti29@gmail.com