mercoledì 1 Aprile 2020

Monthly Archives: Marzo 2020

0 111

Quest’anno ricorre il bicentenario della nascita di Pellegrino Artusi, il gastronomo cui la nostra città deve – oltre che la fama a livello nazionale e internazionale – la spinta iniziale (anche economica) per dare forma a istituzioni ancora oggi di grande importanza come la biblioteca e la casa di riposo.

Per celebrarlo sono stati programmati numerosi eventi, culturali e gastronomici, in parte al momento sospesi e rinviati a causa dell’emergenza coronavirus.

Ma la cultura non si ferma, anzi proprio attraverso uno dei progetti culturali programmati per il bicentenario è possibile fare un’esperienza condivisa e sentirsi così parte della comunità di Forlimpopoli, e della sua storia, in questi giorni in cui non ci è consentito stare materialmente insieme.

Il progetto è quello di realizzare un’edizione audio-video del manuale artusiano letto dai cittadini, ovvero da almeno 790 cittadini: 1 per ogni ricetta.

Ma come fare per riuscirci senza potersi trovare
in uno studio di registrazione?

Semplice: ogni cittadino che desideri farlo può registrare una ricetta e quindi inviare la sua video-registrazione alla biblioteca comunale: biblioteca@comune.forlimpopoli.fc.it oppure biblioteca.artusi@gmail.com.

Per registrarla si può usare con lo strumento che si preferisce, dallo smart-phone a programmi per computer comunque di facilissimo utilizzo che si scaricano gratuitamente dal web come, ad esempio, screencast-o-matic.

Le uniche avvertenze che vi invitiamo a seguire sono:

  1. prenota con una e.mail o una telefonata alla biblioteca la tua ricetta preferita: Artusi ne ha raccolte 790 nell’ultima edizione del suo manuale, e vorremmo evitare per quanto possibile dei doppioni, anche per avere nel minor tempo possibile (cioè possibilmente entro la data del suo compleanno: il 4 agosto) l’intera raccolta delle ricette lette dai cittadini
  2. perché gli ascoltatori possano comprendervi bene ricordate che non è necessario avere una bella voce o saper leggere bene per conto proprio, mentre è importante:
    1. leggere con “velocità controllata”, con la pronuncia più chiara possibile;
    2. rispettare le pause dando la giusta espressione ad ogni frase senza eccedere nell’interpretazione;
    3. avere la pazienza di rifare se scappa una “papera” (che può sfuggire anche al lettore più attento) o se intervengono forti rumori fuori campo mentre registrate.
  3. iniziate la vostra lettura dicendo “Ricetta n. ___e titolo della ricetta. Finite la lettura dicendo “Lettura die il vostro nome.

E se il libro non ce l’hai?

Ne puoi scaricare gratuitamente una versione digitale dal sito www.pellegrinoartusi.it.

Oltre che al web-book, è poi nostro desiderio – con tutti coloro che se la sentiranno e appena sarà possibile – ripetere dal vivo questa esperienza di lettura collettiva, tenendo una vera e propria maratona di “lettura” dal vivo in una piazza del Centro.
Tenetevi pronti.

Per info e prenotazioni: 0543.749271 biblioteca@comune.forlimpopoli.fc.it o biblioteca.artusi@gmail.com

0 150

Sottoscritto un apposito protocollo di pubblica utilità e pubblicato un elenco di esercenti che fanno consegne a domicilio.

Associazioni, imprese e volontari si raccolgono attorno all’Amministrazione Comunale di Forlimpopoli per ridurre al minimo possibili i disagi per tutti i cittadini causati dall’emergenza coronavirus e dalla conseguente necessità di lasciare le proprie abitazioni solo per le più stringenti necessità e per il minor tempo possibile.

A tal scopo, nella giornata di ieri, è stato firmato un vero e proprio protocollo operativo tra diverse Associazioni e il Comune stesso per renderne l’intervento il più efficace e corretto possibile.

Tra i sottoscrittori figurano la Parrocchia di Forlimpopoli, unificata di recente sotto la guida di Don Stefano Pascucci, con i Volontari della Parrocchia, assicurati dal Comune e specificamente formati sulle norme igienico-sanitarie e comportamentali da seguire, dotati degli appositi sistemi di protezione, che sono disponibili a fare la spesa e a consegnarla a domicilio alle persone e alle famiglie più in difficoltà.

Si tratta in particolar modo di anziani soli, pluripatologici, portatori di handicap o persone che abbiano difficoltà nel recarsi di persona a fare la propria spesa.

Il servizio può essere richiesto al numero di emergenza del COMUNE (0543.749208) o allo Sportello Sociale Comunale (0543.749233).

Per chi volesse parlare con un Sacerdote, sono disponibili il numero della Parrocchia di San Rufillo (0543.745535) o il cellulare di Don Rino Giunchi (3453578570).

Col protocollo si attivano inoltre altri due servizi di supporto telefonico che sono gestiti rispettivamente dal Comitato Forlimpopoli-Bertinoro della Croce Rossa Italiana e dalla Associazione di Promozione Sociale “L’Alveare”.

Il primo servizio – tel. 334-1679943 – curato dai volontari della Croce Rossa, è dedicato agli anziani soli e prende il nome di “Parla con noi”. Sarà attivo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 12 e dalle 15 alle 19.

Il secondo, gestito dall’APS “L’alveare” offre un servizio gratuito di supporto psicologico rivolto ai cittadini, al personale sanitario e a tutti coloro che hanno necessità di un sostegno psicologico per l’attuale situazione di emergenza e isolamento. È possibile fissare un appuntamento telefonico con le dottoresse dell’Associazione inviando una mail, un sms o un messaggio WhatsApp ai seguenti recapiti:
Chiara Aldini (3398520348 aldinichiarapsico@gmail.com)
Laura Balzani (3393509634 balzani.laura@gmail.com)
Caterina Venza (3381975399 venzacaterina@gmail.com)
Aps l’Alveare (studiolalveare@gmail.com).

In parallelo numerosi esercenti del territorio comunale (ristoranti, pizzerie, piadinerie e gelaterie ma anche supemercati, forni, macellerie e frutta & verdura) hanno attivato il servizio di consegna a domicilio dei proprio prodotti.

L’elenco – costantemente aggiornato – è disponibile sul sito dell’Amministrazione Comunale.
Gli ulteriori esercenti intenzionati ad attivare il servizio possono segnalarlo direttamente all’indirizzo e.mail del Vice-Sindaco:  sara.pignatari@comune.forlimpopoli.fc.it.

La risposta della città, tramite Associazioni e Imprese, testimonia ancora una volta la solidità del tessuto sociale e la ricchezza del capitale umano della città di Forlimpopoli e l’Amministrazione coglie ancora una volta l’occasione per ringraziare tutti coloro che si stanno impegnando a vario titolo per affrontare questo momento di difficoltà da cui la comunità uscirà – tutta insieme – ancora più forte e solidale.

Scarica qui l’elenco delle attività e degli esercizi aperti e che effettuano consegne a domicilio
(aggiornato al 31/03/2020)

0 102

Centro Operativo Comunale di Protezione Civile del Comune di Forlimpopoli. Per informazioni è attivo il numero 0543 749208 dalle ore 8,30 alle ore 12,30.

PER TUTTI I CITTADINI

▶ In caso DI SINTOMI INFLUENZALI non accedere alle strutture sanitarie, ma contattate i seguenti numeri: 800.033.033 – 1500 – 118 -112.
▶ Se avete necessità di una VISITA MEDICA non andate in ambulatorio o alle strutture sanitarie, ma contattate telefonicamente il vostro medico e seguite le indicazioni.
VIETATI TUTTI GLI SPOSTAMENTI NON NECESSARI, salvo che per comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute. Chi si sposta per motivi di lavoro deve essere munito di autocertificazione (scaricabile dal sito della Regione).
PERSONE ANZIANE O AFFETTE DA PATOLOGIE CRONICHE O IN STATO DI IMMUNODEPRESSIONE: EVITARE di uscire dalla propria abitazione o domicilio salvo i casi di stretta necessità.
ACCOMPAGNATORI DEI PAZIENTI: DIVIETO di permanere nelle sale di attesa dei dipartimenti di emergenze e accettazione e dei Pronto Soccorso, salvo diverse indicazioni del personale sanitario.
PARENTI E VISITATORI a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA) e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, LIMITATA ai soli casi indicati dalla direzione
sanitaria della struttura.

SONO SOSPESE

MANIFESTAZIONI, EVENTI, SPETTACOLI di qualsiasi natura svolti sia in luoghi pubblici che privati.
ATTIVITÀ DI TUTTE LE SCUOLE E GITE SCOLASTICHE fino al 3 aprile.
▶ Attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività;
COMPETIZIONI SPORTIVE, svolte in luogo pubblico o private, compreso campionato di calcio.
▶ Chiusura di PALESTRE, PISCINE E CENTRI SPORTIVI.
▶ Chiusura di MUSEI, TEATRI, CENTRI SOCIALI E CULTURALI.
▶ Chiusura di CENTRI BENESSERE, TERMALI (fatta eccezione per le prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza).
▶ nei giorni festivi e prefestivi saranno chiuse le MEDIE E GRANDI STRUTTURE DI VENDITA, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati.
CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE, ivi comprese quelle funebri.

SONO CONSENTITE CON RESTRIZIONI

LOCALI APERTI AL PUBBLICO: sono messe a disposizione degli addetti, nonché degli utenti e visitatori, soluzioni disinfettanti per l’igiene delle mani.
RISTORANTI e BAR: restrizione dell’orario di apertura delle ore 6 alle ore 18; il gestore, deve far rispettare la distanza di almeno 1 metro tra gli avventori, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione (evitare l’organizzazione di buffet, tornei, eventi di qualsiasi tipo e la costante pulizia di tutte le superfici).
OBBLIGO PER TUTTE LE ATTIVITA’ COMMERCIALI di predisporre le condizioni per garantire la distanza interpersonale di 1 metro ed evitare assembramenti di persone. In caso di impossibilità tali strutture dovranno chiudere. Pena sanzione di sospensione dell’attività stessa. BARBIERE E PARRUCCHIERE, CENTRI ESTETICI, MANICURE E PEDICURE, TATUAGGIO E PIERCING: gli addetti impegnati nel servizio a contatto con i clienti dovranno indossare una mascherina e guanti monouso, lavarsi le mani fra un cliente e l’altro con gel idroalcolico e pulire le superfici con soluzioni a base di alcol o cloro.
ACCESSO di parenti e visitatori a OSPEDALI, OSPIZI, STRUTTURE RESIDENZIALI PER ANZIANI E PRONTO SOCCORSO è limitato ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura.

OBBLIGO DI COMUNICAZIONE

▶ Chiunque abbia SOGGIORNATO O SIA TRANSITATO PER PAESI O LUOGHI DI FOCOLAIO o manifesti sintomi influenzali (febbre, tosse o difficoltà respiratorie) deve comunicarlo all’ AUSL o al proprio medico di base, utilizzando le comunicazioni per via telefonica ai numeri:
800.033.033 – 1500 – 118 -112.