uniCIBO Storia di cibo tra Paleolitico e Neolitico – al MAF di...

uniCIBO Storia di cibo tra Paleolitico e Neolitico – al MAF di Forlimpopoli

0 4
da sabato 17 novembre a sabato 19 maggio
nelle sale del MAF – Museo Archeologico Civico “Tobia Aldini”
Piazza A. Fratti, 7 – Forlimpopoli

Mostra

UniCIBO

Storia di cibo tra Paleolitico e Neolitico

A cura di Maria Giovanna Belcastro, Silvia Bartoli e Mirko Traversari

Sabato 17 novembre 2018 alle ore 17.00 nella suggestiva cornice del Teatro “Giuseppe Verdi” si terrà l’inaugurazione della mostra allestita al Museo Archeologico Civico “Tobia Aldini”.

Mangiare è vitale, è conviviale, è buono, è bello. Dalla necessità alla sublimazione – la storia dell’uomo e della sua alimentazione attraverso una documentazione insolita: ossa, denti, semi e piante. L’uomo circa 10.000 anni fa attua la più grande rivoluzione di tutti i tempi. Cambia radicalmente il suo rapporto con l’ambiente, con gli animali, con le piante, con i suoi simili, cambia radicalmente la sua visione del mondo. Tutti noi (o quasi) oggi siamo eredi di quei cambiamenti. Da lì siamo partiti per arrivare oggi alle nuove transizioni tecnologiche.

Ci sono cibi antichi e cibi moderni, cibi consueti e cibi insoliti, cibi consentiti e cibi proibiti, cibi sani e cibi dannosi alla salute, cibi semplici e cibi trasformati, ma tutti ricavati da piante, semi, radici, tuberi, terra, piccoli e grandi animali, uomini!….anche uomini. L’antropofagia ha attraversato tutta la storia dell’uomo per fame, per odio, per amore, per caso, per celebrare momenti speciali e importanti…

La mostra, allestita presso il Museo Archeologico Civico “Tobia Aldini” di Forlimpopoli, si colloca nell’ambito istituzionale del 2018 quale Anno dei Cibo italiano, sancito dal MIBAC con formale direttiva. L’esposizione illustra come si può ricostruire la dieta nelle popolazioni del passato attraverso l’esposizione di pezzi originali e di pannelli esplicativi, soffermandosi sui metodi e sui cambiamenti alimentari con particolare attenzione alle fasi di transizione. Quanto esposto è frutto delle attività di ricerca svolte in questo ambito dal Laboratorio di Bioarcheologia e osteologia forense dell’Università degli Studi di Bologna e sarà visitabile dal 17 novembre 2018 al 19 maggio 2019.

Mostra promossa da

Comune di Forlimpopoli

MAF – Museo Archeologico Civico di Forlimpopoli “Tobia Aldini”

SMA – Sistema Museale di Ateneo dell’Alma Mater Studiorum – Università degli Studi di Bologna – Collezioni di Antropologia

A cura di

Maria Giovanna Belcastro, Silvia Bartoli, Mirko Traversari

Con il Patrocinio di

MiBAC – Ministero per i Beni e le Attività Culturali 2018-Anno del Cibo Italiano

Con la collaborazione di

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le Province di Modena, Ferrara e Reggio Emilia

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini

Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università degli Studi di Bologna

Dipartimento dei Beni Culturali-Campus di Ravenna dell’Università degli Studi di Bologna

Centro Studi Farinelli

AUSL della Romagna

Istituto Alberghiero di Forlimpopoli “Pellegrino Artusi”

RavennAntica – Fondazione Parco Archeologico di Classe

Sponsor tecnico

Formula Servizi per la Cultura

Comunicazione

Tiziana Rambelli (AUSL Romagna – Gruppo Cultura)

Periodo di apertura

dal 17 novembre 2018 al 19 maggio 2019

Presentazione

Teatro “Giuseppe Verdi” di Forlimpopoli, sabato 17 novembre 2018, ore 17.00

Inaugurazione

MAF – Museo Archeologico di Forlimpopoli “Tobia Aldini”, sabato 17 novembre 2018, ore 18.00

Orari di apertura del Museo

Venerdì 9.00-13.00

Sabato e Domenica 10.00-13.00; 15.30-18.30

Mercoledì e Giovedì aperture su richiesta 9.00-13.00

Visite guidate (su prenotazione) a cura di

RavennAntica – Fondazione Parco Archeologico di Classe

INFO e PRENOTAZIONI

www.maforlimpopoli.it

tel. 0543.748071

email: info@maforlimpopoli.it

clicca qui per vedere la cartolina invito

clicca qui per vedere il manifesto della mostra