lunedì, giugno 18, 2018

Archivio mensile:giugno 2016

0 242

“La pace domestica sta attorno alla cucina”. Così scriveva una corrispondente a Pellegrino Artusi in una lettera datata un secolo fa, custodita a Casa Artusi, uno dei tanti tasselli del grande mosaico de “La scienza in cucina e l’arte di Mangiar bene”. In quelle sette parole c’è l’essenza di quanto avviene nella città natale del gastronomo dal 25 giugno al 3 luglio 2016: il cibo non solo come nutrimento ma convivialità, cultura, condivisione. Sono gli ingredienti della XX edizione della Festa Artusiana, che fa di Forlimpopoli il centro di gravità della cucina italiana.

Nove giorni di degustazioni, spettacoli, concerti, incontri, mostre, dove le strade vengono rinominate e i vicoli e le piazze si caratterizzano come veri e propri percorsi gastronomici. Imponenti i numeri di questo appuntamento che festeggia il ventennale: oltre 150 appuntamenti fra laboratori e degustazioni; una ventina di incontri imperniati sulla cultura del cibo; una serie di mostre sul tema del cibo; 70 spettacoli con le discipline più diverse; il coinvolgimento di una sessantina di ristoranti allestiti appositamente per la festa che si aggiungono a quelli già attivi a Forlimpopoli; 150 mila presenza nell’ultima edizione, cifra record.

Ma attenzione, guai a considerare la Festa Artusiana come momento di sola degustazione e abbondanza di cibo. L’evento da sempre affianca il cibo inteso come piacere del palato, alla riflessione culturale, sociale ed economica della tavola, in compagnia di studiosi, appassionati, docenti universitari e anche semplici curiosi. Se ciò che mangiamo è un atto culturale, la scelta pone degli interrogativi sull’uso consapevole del cibo. E non a caso il filo conduttore di questa edizione è la cucina sostenibile, la lotta allo spreco, l’utilizzo degli avanzi, ideale prosieguo della riflessione avviata un anno fa a Expo. Quest’anno in particolare la Festa celebra adeguatamente la figura di Olindo Guerrini, poeta e scrittore eclettico ma anche amico e primo sostenitore di Pellegrino Artusi. Infine, come di consueto tra gli ospiti saranno presenti grandi nomi della gastronomia e della cultura italiana come Lisa Casali, Renato Brancaleoni, Andrea Segrè, Luisanna Messeri e Carlo Lucarelli.

-Clicca qui per il programma generale della Festa

-Clicca qui per visualizzare i ristoranti presenti alla Festa. La ristorazione rappresenta senza dubbio uno dei punti di forza della Festa e per partecipare i ristoranti devono rispettare una serie di importanti norme tra cui la presenza nei menù, rigorosamente improntati alla tradizione, di ricette artusiane, l’utilizzo di materie prime di qualità, di prodotti freschi e di stagione, il privilegiare le produzioni artigianali e l’utilizzo di carni provenienti da allevamenti non intensivi. Questa è da sempre la filosofia della Festa Artusiana per migliorare costantemente la qualità dell’offerta gastronomica!

-Clicca qui per la lista degli spettacoli presenti alla Festa

Ma alla Festa Artusiana, come detto, grande spazio è riservato anche alla cultura eno-gastronomica!

– Clicca qui per l’elenco degli eventi culturali senza dimenticare però le grandi mostre 

– Nell’ambito della Festa Artusiana vengono poi consegnati alcuni prestigiosi premi ovvero: Il Premio Artusi assegnato a personaggi che contribuiscono in maniera originale alla riflessione sul rapporto uomo e cibo, il Premio Marietta, riservato a semplici appassionati di cucina e il Premio Marietta ad Honorem, che vuole premiare chi dedica tempo e talento alla scoperta, alla tutela e alla valorizzazione delle risorse alimentari del territorio

– Inoltre durante la Festa Artusiana, Piazza Garibaldi, cuore pulsante di Forlimpopoli, diventa Piazza Artusi e ospita un vero e proprio percorso di degustazione. Clicca qui per scoprirlo!

-Come ogni anno inoltre la Festa Artusiana ospita un ricco e colorato mercato enogastronomico, all’insegna della buona tavola e delle migliori tradizioni. Non esiste migliore occasione per fare acquisti di qualità!

0 105

Venerdì 24 giugno alle 21 Casa Artusi ospita una straordinaria anteprima della Festa Artusiana!

Alle ore 21 il Direttore Artistico della Festa Enrico Zambianchi presenta il ricchissimo programma di spettacoli previsti nell’ambito della festa.

A seguire “Pellegrino Artusi,  un commerciante letterato”, a cura e con Maria Pia Timo che legge brani tratti da “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene”, il celebre volume di Pellegrino Artusi che con gusto e ironia ha contribuito enormemente a fare l’Italia e gli italiani. L’appuntamento rientra nell’ambito della rassegna “Dove abitano le parole. Scopriamo le case e i luoghi degli scrittori in Emilia Romagna.”

Maria Pia Timo è un volto noto dello spettacolo, protagonista di diverse rappresentazioni in ambito enogastronomico nei panni di Wanda la Carrelista e Bionda Zabaione. L’ingresso è libero.

Clicca qui per la locandina dell’evento

Clicca qui per visualizzare il programma dell’iniziativa

0 54

Anche Il MAF – Museo Archeologico “T. Aldini” di Forlimpopoli, partecipa con un ricchissimo programma di iniziative, per tutte le età e tutti i gusti, alla XX edizione della Festa Artusiana!

Innanzitutto cambia l’orario di apertura del museo che offre così ai propri visitatori, tutti i giorni, aperture straordinarie in orario serale.

Questo l’orario che osserverà il Maf durante la Festa:

25-26 giugno, 2-3 luglio dalle ore 17 alle ore 23
27-30 giugno, 1 luglio dalle ore 20 alle ore 23

Sono previste inoltre iniziative speciali e proposte didattiche pensate per pubblici di tutte le età. Tutte le sere alle ore 21, appuntamento al Museo con visite guidate gratuite a tema e degustazione di vino delle cantine del territorio (biglietto d’ingresso a carico dei partecipanti).
Inoltre, sabato 25 giugno e sabato 2 luglio alle ore 18, uno spazio dedicato ai più piccoli con divertenti laboratori didattici per “giocare” con l’archeologia.
Il programma del MAF prevede inoltre “Forlimpopoli da assaggiare”,  una gustosa passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici (appuntamento 26 giugno e 3 luglio alle ore 19.30).

Questo il calendario delle visite guidate ed iniziative:
Sabato 25 giugno
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”

Ore 21
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Domenica 26 giugno
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”

ore 19.30 -Ritrovo presso MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Forlimpopoli da assaggiare. Gustosa passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici.
Tariffa: € 7,00 a partecipante
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (prenotazione obbligatoria)
Per info e prenotazioni: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Ore 21
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Lunedì 27 giugno
Ore 21
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Martedì 28 giugno
Ore 21
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Mercoledì 29 giugno
Ore 21
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071
Giovedì 30 giugno
Ore 21
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071
Venerdì 31 giugno
Ore 21
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Sabato 1 luglio
Ore 21
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Visita guidata Stare a tavola nel mondo antico
Percorso alla scoperta dei cibi e dei modi di vivere la convivialità dalla Preistoria al Rinascimento.
Attività gratuita con biglietto di ingresso al Museo € 4,00
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (non è necessaria la prenotazione)
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Domenica 2 luglio
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
ore 19.30 -Ritrovo presso MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Forlimpopoli da assaggiare. Gustosa passeggiata alla scoperta dei principali monumenti della città con degustazione di prodotti tipici.
Tariffa: € 7,00 a partecipante
A cura di Fondazione RavennAntica
Massimo 25 partecipanti (prenotazione obbligatoria)
Per info e prenotazioni: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071
Questo invece il programma dei laboratori per bambini:
Sabato 25 giugno
Ore 18
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Caccia all’indizio
Percorso ludico-archeologico € 4,00 a cura di Fondazione RavennAntica.
Bimbi da 5 a 11 anni. Massimo 25 partecipanti, prenotazione obbligatoria. Durata circa 1 ora
Info e prenotazioni:
info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Sabato 2 giugno
Ore 18
MAF – Museo Archeologico “T. Aldini”
Tessera dopo tessera: laboratorio di mosaico
Laboratorio € 4,00 a cura di Fondazione RavennAntica.
Bimbi da 5 a11 anni. Massimo 25 partecipanti. Durata circa 1 ora
Per info: info@maforlimpopoli.it tel. 0543 748071

Per prenotare le attività proposte, telefonare al 0543 748071, durante gli orari di apertura del Museo, oppure mandare una mail a info@maforlimpopoli.it

Per rimanere aggiornati su tutte le attività del MAF clicca qui

0 235

Tra i mesi di aprile e giugno del 2016 l’Istituto per i beni culturali della Regione Emilia-Romagna organizza, da Piacenza a Rimini, una rassegna di nove incontri pomeridiani in altrettante biblioteche comunali, per leggere o rileggere, grazie alla voce dell’attore Ivano Marescotti, le pagine di poeti e scrittori che hanno legato la loro opera ai nostri territori.  È un’occasione per ritrovare corrispondenze inaspettate e riprendere in mano il filo che continuano a tendere.

La rassegna “Voci d’autore. Ivano Marescotti legge pagine viventi nelle biblioteche dell’Emilia-Romagna” – curata da Vittorio Ferorelli e Valeria Cicala, con la consulenza scientifica di Andrea Battistini, docente di Letteratura italiana all’Università di Bologna e consigliere dell’IBC – si avvale del supporto di LepidaTV, che realizzerà le riprese video di ogni incontro e le diffonderà attraverso il suo canale digitale terrestre e su web (www.lepidatv.it).

I video saranno disponibili online anche sul canale YouTube dell’IBC (www.youtube.com/user/IBCemiliaromagna), le registrazioni audio potranno essere ascoltate nella rubrica “Racconti d’autore” di RadioEmiliaRomagna (www.radioemiliaromagna.it). Gli appuntamenti avranno inizio alle ore 17.30.

A Forlimpopoli appuntamento il 16 giugno: nella Biblioteca comunale “Pellegrino Artusi” Marescotti rievocherà la sapienza di Piero Camporesi leggendo brani dalla sua magistrale Introduzione a La Scienza in cucina e l’Arte di mangiar bene (1970). L’incontro farà da “antipasto” ideale alla XX edizione della “Festa Artusiana”, che si aprirà la settimana successiva.

Clicca qui per la cartolina dell’evento

Di seguito il programma delle iniziative:

Si comincia il 14 aprile nella Biblioteca comunale “Antonio Baldini” di Santarcangelo (Rimini) con i brani tratti da La Fondazione (2008) del poeta Raffaello Baldini.

Il 23 aprile, a Ferrara, la Biblioteca comunale Ariostea, in occasione della “Giornata mondiale del libro”, celebrerà i 500 anni dell’Orlando Furioso (1516) con la lettura che Marescotti farà del poema di Ludovico Ariosto.

Luigi Malerba, con il suo dizionario delle Parole abbandonate (1977), è il protagonista dell’appuntamento del 27 aprile alla Biblioteca comunale “Ugo Guanda” di Parma.

Tre date anche nel mese successivo, in concomitanza con la campagna annuale del Centro per il libro e la lettura del Ministero dei beni e delle attività culturali.

Il 5 maggio, a Bologna, nella Biblioteca comunale dell’Archiginnasio, Ivano Marescotti darà voce alla storia della fallita rivolta anarchica narrata da Riccardo Bacchelli nel Diavolo al Pontelungo (1927).

Il 19 maggio si fa tappa a Modena, dove nella Biblioteca comunale intitolata ad Antonio Delfini verrà letto il suo struggente Ricordo della Basca (1938).

La settimana successiva, il 26 maggio, nell’ambito del festival “Fotografia Europea 2016”, Marescotti sarà a Reggio Emilia, nella Biblioteca comunale “Antonio Panizzi”, per interpretare uno dei racconti tratti dal Viaggio in un paesaggio terrestre di Giorgio Messori (2007).

Il 9 giugno, l’appuntamento nella Biblioteca comunale “Passerini Landi” di Piacenza sarà dedicato alla riscoperta di Melchiorre Gioia e della sua appassionata difesa Del merito e delle ricompense (1830).

Il 15 giugno, a Bagnacavallo (Ravenna), l’ironia feroce di Leo Longanesi, con il suo Parliamo dell’elefante (1947), risuonerà nel chiostro della Biblioteca comunale “Giuseppe Taroni”.